Nurse24.it

Infermieri all'estero

Germania, 15 posti al Lukas Krankenhaus di Düsseldorf

di Sandra Ausili

La clinica pubblica Lukas Krankenhaus, direttamente collegata con l'Università di Düsseldorf, cerca infermieri, ostetriche e tecnici di radiologia. Posizioni aperte nei reparti di sala operatoria, terapia intensiva, cardiologia, urologia e medicina. Ad occuparsi delle selezioni è Joblaborum e l'appuntamento è a Roma per il 15 e 16 ottobre.

Lukas Krankenhaus cerca infermieri, ostetriche e tecnici di radiologia

Per la terza volta la clinica pubblica Lukas Krankenhaus ha scelto l'Italia per selezionare personale da assumere con contratto a tempo indeterminato. Per questa offerta di lavoro la clinica - dove già lavorano infermieri ed ostetriche selezionati da Joblaborum nel 2016 e 2017 - cerca 15 infermieri, 2 ostetriche e 3 tecnici di radiologia.

Il complesso della clinica si trova nel centro della regione Nord Reno Westfalia, a 15 minuti da Düsseldorf e 30 minuti da Colonia. La clinica è accreditata con i programmi europei "YFEJ", "REACTIVATE"e "SOLIDARITY CORPS", grazie ai quali i candidati possono accedere a misure di sostegno finanziario.

Al loro arrivo in Germania, inoltre, saranno supportati da un programma di integrazione con l'aiuto dei colleghi italiani già operativi, mentre per quanto riguarda l'omologazione della laurea si garantiscono tempi brevissimi.

All'arrivo in aeroporto ho incontrato il signor Luigi, un dipendente della clinica, che mi ha dato il benvenuto e mi ha portato all'appartamento, nuovo e pulito. Il giorno successivo sono stato subito accolto dalla "comunità italiana" dell'ospedale: sono qui da pochi giorni, ma ho avuto l'impressione siano una bella "Famiglia". Questo mi ha aiutato a non sentire tanto l'impatto: ha addolcito la pillola amara che può essere la paura di un cambiamento, dell'incognita.

In segreteria sono tutti molto gentili, attenti alle mie richieste, pronti ad aiutarmi, darmi consigli di fronte alle difficoltà. Sono stato invitato ad una conferenza (insieme agli altri dipendenti stranieri e a diversi giornalisti) e ho sentito con le mie orecchie le belle parole che la signora Albrecht ha speso per noi dipendenti stranieri, valorizzandoci come risorse sia umane, sia intellettuali.

La prima impressione che ho avuto è stata molto positiva. Posso dire che tutte le parole che la signora Moreschini e il signor Iacomini hanno speso in favore della clinica erano vere, com'è stato vero che sono stati sempre lì, disponibili nel momento del bisogno, pronti ad aiutarmi e a risolvere ogni minimo dubbio. La loro presenza è stata costante dal momento del colloquio fino a dopo la partenza: ancora adesso chiedono di sapere le mie impressioni e si preoccupano perché tutto vada per il meglio.

Non posso che dire Grazie!