Nurse24.it
Partecipa ai webinar gratuiti su Salute.LIVE

aggressioni in ospedale

Ddl approvato dalle Commissioni della Camera

di Redazione

Procedibilità d'ufficio, inasprimento delle pene per chi aggredisce e obbligo per le Aziende di costituirsi parte civile. Queste alcune delle modifiche al Ddl antiviolenza approvato dalle Commissioni congiunte, Giustizia e Affari Sociali, della Camera.

Ddl contro aggressioni ai sanitari, ok dalle Commissioni della Camera

Quello della violenza contro i sanitari è un fenomeno in costante aumento

Nel pomeriggio di giovedì 13 febbraio le Commissioni congiunte, Giustizia e Affari Sociali, hanno approvato il ddl contro la violenza sugli operatori sanitari e sociosanitari già licenziato dal Senato nei mesi scorsi.

Al testo, che dovrebbe approdare in assemblea il prossimo 21 febbraio, sono state apportate però alcune modifiche: no alla qualifica di pubblico ufficiale a medici e personale sanitario e socio sanitario in servizio, ma sì a tutte le tutele che la qualifica di pubblico ufficiale comporta, ossia procedibilità di ufficio e aggravio delle pene per chi commette aggressioni ai loro danni.

Ma non è tutto. Nei processi di aggressione nei confronti dei propri operatori sanitari nell’esercizio delle loro funzioni, infatti, le Aziende sanitarie avranno l'obbligo di costituirsi parte civile.

Tra i nodi principali, proprio quello riguardante la qualifica di pubblico ufficiale per gli operatori sanitari per il personale sanitario in servizio. Lo stop a questa proposta, riporta Quotidiano Sanità, è arrivato dopo che la Commissione Giustizia aveva espresso il suo parere contrario al riconoscimento, in quanto sarebbe stato “improprio” attribuirla a figure professionali della sanità, caricandole anche di aggravi di responsabilità non consoni.

Posizione avvalorata anche dalla Consulta delle professioni sanitarie e socio sanitarie; su questo punto la Commissione Affari Sociali ha dunque deciso di allinearsi alle posizioni espresse dalla Commissione Giustizia oltre che dalla Consulta delle professioni.

Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)