Nurse24.it
Scopri i dettagli del corso su hecm.it

1 maggio

Infermieri: questo è il nostro lavoro

di Redazione

Siamo infermieri e siamo sempre in "lotta": con i piani alti, con la malattia, con questioni di vita o di morte. Con i colleghi, le famiglie, con noi stessi. Quello che facciamo quando attacchiamo il turno ogni mattina, pomeriggio o sera, è molto più di un lavoro. È una sfida a dare il 99% di noi stessi agli altri senza lasciar andare mai del tutto quell'1% che ci resta per noi stessi. Siamo in uno dei pochi settori dove un'emergenza è davvero, autenticamente, un'emergenza. Tutto il resto sono dettagli. Siamo infermieri, è questo il nostro lavoro.

Festa del lavoro, la voce degli infermieri

Al diavolo le cooperative e le agenzie interinali, al diavolo chi crede che siamo servi dei medici camerieri e dame di compagnia. Al diavolo l’arroganza dei parenti, che pensano di saperne sempre più di te.

Al diavolo le reperibilità di sala operatoria, i turni notturni e festivi per meno di 2 euro l’ora. I presidenti di Regione che non sbloccano le assunzioni e i baronetti della Sanità.

Al diavolo quei colleghi lavativi, che con la scusa della legge 104 se ne vanno al mare.

Al diavolo chi ti dice che non farebbe mai questa professione

Al diavolo i media che fanno disinformazione, al diavolo chi non capisce che il nostro è un lavoro e non una missione. Al diavolo lavorare 12 ore al giorno senza percepire lo stipendio, al diavolo quei medici che si credono Dio e a Dio, che non c’è mai quando lo chiami.

Al diavolo chi ti dice che non farebbe mai questa professione.

Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commenti (4)

Marcella La Guardia

Avatar de l'utilisateur

2 commenti

SIAMO SOLI!

#4

Andrea condivido. Purtroppo ci inculcano una mentalità da sottomessi ed i dirigenti infermieristici proseguono in quest’opera deleteria per la professione. «Dobbiamo assumere una mentalità aziendale che guardi a tutta l’azienda e non al singolo reparto!». Questa la risposta al mio chiedere come e quando avremo una unità in più per evitare turni di 12 ore, doppie notti, rientri assurdi! E siamo al Policlinico San Matteo di Pavia, realtà all’avanguardia in fatto di assistenza! Si è soli, veramente soli!

Giomar

Avatar de l'utilisateur

4 commenti

Grande Andrea

#3

Bisogna rivedere i piani di studio. L ordinamento didattico e la gestione dei tirocini in mano a capre che non hanno amore per la professione e usano i tirocinanti come portantini e lavabili. Bisogna partire dalle università.

Alfre

Avatar de l'utilisateur

1 commenti

Modus vivendi

#2

I nostri diritti sono imprescindibili, direi quanto quelli di qualunque lavoratore. Tuttavia noi siamo chiamati a gestire una professione (non mestiere o semplice lavoro) attraverso la professionalitá. Abbiamo diritti studiando e lavorarando retribuiti e umanamente...e abbiamo doveri deontologici nell'assistere, considerando inclinazioni e bisogni in vari ambiti (non ultimo quello spirituale), anche tra colleghi, nel pieno rispetto reciproco. Se chiedere rispetto é un diritto, e lo é.. sarebbe anche un dovere darne

Marcella La Guardia

Avatar de l'utilisateur

2 commenti

Non è la mia voce!

#1

Perdonatemi ma mandare al diavolo «Dio, che non c’è mai quando lo chiami» non appartiene a quei tanti infermieri che grazie a questo Dio trovano la forza di superare le grandi difficoltà che quotidianamente incontrano nella loro professione. Il resto può essere condivisibile però, per cortesia, basta con questo inutile vittimismo da sfigati! Il contenuto di questo video non rappresenta certamente la mia voce! Buon Primo maggio. Marcella