Nurse24.it

Emergenza-Urgenza

Gestione vie aeree in caso sospetto o accertato di Covid-19

di Giacomo Sebastiano Canova

Intraospedaliera

    Precedente Successivo

In questi giorni le società scientifiche si stanno adoperando per fornire ai professionisti quante più evidenze possibili per fronteggiare l’emergenza Covid-19. Tra queste, vanno segnalate le raccomandazioni fornite della Società Italiana di Anestesia Analgesia Rianimazione e Terapia Intensiva (SIIARTI) per quanto riguarda la gestione delle vie aeree in caso sospetto o accertato di Covid-19.

Coronavirus, gestione vie aeree in caso di sospetta o accertata infezione

Una delle criticità del paziente Covid nella fase intermedia (tra esordio malattia e potenziale evoluzione critica, anche in relazione alle copatologie) risiede nella scelta dell’ossigenoterapia e dell’invasività di supporto respiratorio (Level of Care).

I supporti non invasivi (CPAP, BiPAP, NIV e HFNO) possono correggere l’ipossiemia aiutando a gestire l’insufficienza respiratoria (pur in assenza di dati univoci in letteratura) e a ritardare o evitare l’intubazione endotracheale (e le sue potenziali complicanze ed effetti sull’outcome).

È opportuno inoltre adottare EWS (criteri di alert), strategie condivise, training in team multidisciplinari, simulazione di scenari possibili, tenendo conto anche dei livelli di cura disponibili e della fattibilità di assistenza intensiva in ambienti dedicati.

Infine, rappresentano elementi decisionali per gestire il controllo avanzato di ossigenazione e supporto ventilatorio le competenze e l’organizzazione, oltre che alle risorse umane e ambientali disponibili.

Ritorna al sommario del dossier Emergenza Urgenza

Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)