Nurse24.it
Iscriviti ai webinar di B. Braun

Management

Delega in ambito sanitario, caratteristiche e vantaggi

di Chiara Vannini

La delega è uno strumento molto utile, necessario per migliorare l'organizzazione del proprio tempo e delle proprie risorse. In ambito sanitario, come in molte altre realtà, risulta un mezzo indispensabile al manager o al coordinatore per poter svolgere al meglio il proprio lavoro. Tuttavia, delegare risulta spesso difficile, perché il coordinatore o manager è abituato ad avere il pieno controllo delle proprie attività, ha difficoltà a fidarsi dei propri collaboratori e ha spesso la convinzione che "se faccio io, faccio prima e meglio". In realtà, la delega è utile al manager che può così occuparsi di attività più importanti o di responsabilità, ma allo stesso tempo è utile ai collaboratori perché si sentono responsabilizzati, lavorano meglio e in maniera più produttiva.

Cos’è la delega

La delega è uno strumento gestionale molto utile ed utilizzato nelle organizzazioni in cui ci sono numerosi professionisti che devono lavorare insieme. È l’atto attraverso cui una persona conferisce ad un’altra persona la responsabilità e l’autorità per lo svolgimento di determinate attività in sua vece.

È un trasferimento di poteri decisionali e la persona che viene delegata deve poter svolgere ed essere in grado di svolgere le stesse attività del delegante. È fondamentale però ricordare che la responsabilità finale resta del delegante.

Principi della delega

La delega deve rispettare alcuni principi:

  • Giusta attività: non tutte le attività possono essere delegate. Il delegante deve scegliere solamente le attività che possono essere delegate efficacemente e senza rischi
  • Giuste circostanze: non è detto che il delegante debba dover delegare in qualsiasi momento le sue attività. Ci devono essere le giuste condizioni e circostanze per poter delegare un’attività
  • Giusta persona: è fondamentale scegliere la persona che sia in grado di svolgere il compito del delegante
  • Giuste istruzioni e comunicazione: il delegante, in quanto responsabile ultimo dello svolgimento dell’attività, deve spiegare adeguatamente l’attività da svolgere fornendo le giuste istruzioni
  • Giusta supervisione e valutazione: l’attività delegata, benché non svolta personalmente dal responsabile, deve essere monitorata e, al termine della stessa, il delegante deve valutarne andamento ed esito

Quali attività delegare

Colui che delega non può delegare qualsiasi attività, perché alcune sono di responsabilità esclusiva del leader.

Le attività che si possono delegare sono:

  • Quelle svolte di frequente, che prevedono che il delegato le abbia viste spesso e sia in grado facilmente di rifarle
  • Quelle di natura tecnica, perché meno rischiose rispetto a quelle di natura relazionale o di altra natura
  • Quelle non soggette a cambiamenti rilevanti e quindi ripetitive
  • Quelle con risultati prevedibili, per cui i discostamenti possono essere evidenziati facilmente
  • Quelle con pochi rischi, poiché le attività più rischiose dovrebbero essere sempre svolte dal leader
NurseReporter

Commento (0)