Nurse24.it

12 maggio

Anno 2015: cosa pensano gli italiani degli infermieri

di Rosario Scotto di Vetta

Per un giorno abbiamo smesso di scrivere chi sono e cosa fanno gli infermieri. Abbiamo dato un'occasione agli italiani di esprimere la loro idea personale in diverse città d'Italia. Il risultato è stato sorprendente.

Gli infermieri visti con gli occhi degli italiani nel 2015

Per un giorno, abbiamo smesso di scrivere chi sono e cosa fanno gli infermieri. Abbiamo dato un'occasione agli italiani di esprimere la loro idea personale sugli infermieri in diverse città d'Italia, Milano, Parma, Rimini, Pisa, Napoli.

Un particolare è sicuramente emerso: tanto è stato fatto ma tanto dovrà ancora essere fatto. La necessità di continuare a promuovere la figura professionale dell'infermiere è fondamentale. Nonostante tanti pensieri di elogio e frasi commoventi, il senso critico non può che farci amareggiare per chi ancora crede che gli infermieri lavorino in subordinazione dei medici.

scopri tutti i cambi compensativi

Il 12 maggio, un giorno chiave per il tema scelto, si celebra in tutto il mondo la Giornata internazionale dell’Infermiere. Un'iniziativa sostenuta dall'International Council of Nurses  rappresentante più di 13 milioni di infermieri nel mondo. In questa data, nel 1820, nacque Florence Nightingale, fondatrice delle Scienze infermieristiche moderne.

L’intento dichiarato dal gruppo dirigente della Federazione nazionale Collegi Ipasvi è quello di richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica sui valori di cui è portatrice la professione infermieristica: “una professione che trova il suo significato più originale e autentico nel servizio all'uomo”.

Ogni anno vengono diffusi manifesti che sottolineano l’impegno degli infermieri italiani sui temi della solidarietà e dell’alleanza con i pazienti e le loro famiglie. Gli slogan proposti in oltre un decennio ribadiscono tutti la scelta di stare “dalla parte del cittadino”.

Il 12 maggio è diventato l’occasione per far sì che la professione infermieristica “parli un po’ di sé” con i ricoverati negli ospedali, con gli utenti dei servizi territoriali, con gli anziani, con gli altri professionisti della sanità, con i giovani che devono scegliere un lavoro, con tutti coloro che nel corso della propria vita hanno incontrato o incontreranno “un infermiere”.

12 maggio 2015: Gli infermieri al fianco dei cittadini. Vicini ai loro bisogni di salute. Sempre.

Commento (0)