Nurse24.it

COVID-19

Operatori sanitari infetti, Inail: è infortunio sul lavoro

di Redazione

I contagi da nuovo Coronavirus di medici, infermieri e altri operatori dipendenti del Servizio sanitario nazionale e di qualsiasi altra struttura sanitaria pubblica o privata assicurata con l’Inail, avvenuti nell’ambiente di lavoro o a causa dello svolgimento dell’attività lavorativa, sono tutelati a tutti gli effetti come infortuni sul lavoro. Lo ha specificato proprio l'Inail in una nota indirizzata alle strutture centrali terriotriali.

Infezione da Covid-19 per sanitari tutelata come infortunio sul lavoro

Medici, infermieri, operatori socio sanitari e tutti gli operatori di qualsiasi struttura sanitaria pubblica o privata che abbiano contratto il coronavirus - in presenza di un rischio specifico commisurato in base al dato epidemiologico territoriale - saranno equiparati agli infortunati sul lavoro nel caso in cui sia accertata (o anche solo presunta) l’origine professionale del contagio, avvenuto nell’ambiente di lavoro o per causa determinata dallo svolgimento dell’attività lavorativa.

L’Azienda sanitaria locale o la struttura ospedaliera/sanitaria privata di appartenenza del personale infortunato, in qualità di datori di lavoro pubblico o privato, debbono assolvere all’obbligo di effettuare, come per gli altri casi di infortunio, la denuncia/comunicazione di infortunio all’Inail. Resta fermo, inoltre, l’obbligo da parte del medico certificatore di trasmettere all’Istituto il certificato medico di infortunio.

Sono tutelati dall’Inail anche gli eventi infettanti accaduti durante il percorso casa lavoro e viceversa, configurabili quindi come infortuni in itinere.

Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commenti (1)

Araya

Avatar de l'utilisateur

1 commenti

Covid-19

#1

Ma voi mi potete dire che tampone per il Covid-19 ? Lavoro per una dita dentro un ospedale privato a Milano ed ci stato detto lavorare in sicurezza ok io sono OSS ma sono iscritta come operaio2 nivelo e mandata a fare sanificazioni e pulizie sono stata mandata al Covid-19 in 1• stadio dove la capo sala ni ha cambiato i DPI per che retiene che la persona che pulisci non è a contatto con il pz con turni di 8 ore e 1/2 di pausa. Tante volte arrivavo al lavoro e dicevo mi fa male la gola mi controllavano la febbre ed 36,5 e mi dicevano vai a lavorare quando avrai 37,5 ti mandiamo a casa. In questo momento sono a casa con tosse e presione al petto il medico curante non mi ha voluto visitare mi ha dato il antibiotico al telefono e 6 giorni di malattia, la regione Lombardia mi ha dato un numero
dove chiamare che è disconnesso e nessuno mi ha fatto un tampone per sapere se sono positiva che tristezza