Nurse24.it
scrivi una email per avere maggiori informazioni

Attualità Infermieri

Infermiere ladro rubava le chiavi di casa ai pazienti

di Redazione

Approfittava degli anziani ricoverati nell’ospedale Galliera di Genova per rubare loro le chiavi di casa e carpire elementi utili al colpo. Poi, un infermiere di 63 anni, duplicava le chiavi e le consegnava ai complici, che mettevano in atto il furto.

Infermiere ladro arrestato a Genova

La Squadra mobile di Genova ha messo le manette ai polsi di un infermiere del Pronto soccorso e altre tre persone. Tutte arrestate con l’accusa di furto e furto aggravato. Mentre all’infermiere viene contestato anche il peculato, visto che a casa sua i poliziotti hanno trovato un bel po’ di materiale sanitario, tra cui siringhe e medicinali, che si pensa sia stato sottratto dall’ospedale.

L’indagine è partita verso agosto, quando la Mobile è riuscita a mettere la mani su un componente della gang, che aveva messo a segno dei colpi nelle auto in sosta lungo la spiaggia. Da lì sono partiti i pedinamenti e sono state raccolte decine di denunce di anziani, che hanno raccontato di aver ritrovato la loro abitazione svuotata al ritorno dall’ospedale. E puntualmente nessun segno di effrazione sulla porta di ingresso. Almeno cinque i furti in casa e 28 i furti aggravati contestati alla banda.

In pratica, l’infermiere cercava di entrare in confidenza con gli anziani e si faceva raccontare tutto: movimenti, chi c’era in casa, se c’erano oggetti preziosi. Poi in un momento di distrazione prendeva le chiavi e le duplicava. Raccoglieva informazioni utili anche dal database dell’ospedale, per sapere l’indirizzo preciso degli appartamenti. Poi consegnava tutto nelle mani dei complici. Che, a quel punto, andavano a colpo sicuro.

L'azienda ospedaliera ha provveduto alla sospensione immediata dal servizio dell'infermiere arrestato e ha avviato un'indagine interna per quanto riguarda l'accusa di peculato. Sono stupito e dispiaciuto - ha detto a caldo il direttore sanitario del Galliera Giovanni Lo Pinto -. Seguiremo naturalmente gli sviluppoi della vicenda giudiziaria e siamo a disposizione delle autorità per tutto quello che necessita.

Commento (0)