Nurse24.it

professioni sanitarie

Pochi docenti nei profili specifici, interrogazione al Senato

di Redazione

Per poter garantire un ottimale insegnamento professionalizzante, non è più rinviabile il problema della insufficiente e precaria presenza di docenti appartenenti allo specifico profilo professionale, chiamati in ruolo da parte delle università. Esordisce così l’interrogazione della Senatrice Paola Binetti (FI) al ministro dell’Università per chiedere come intenda intervenire per facilitare l’attività di ricerca dei docenti che insegnano nei SSD dedicati ai saperi specifici nei rispettivi corsi di laurea, anche attraverso un aumento significativo delle borse di dottorato e delle borse post dottorato per favorire la formazione scientifica e la relativa produzione scientifica e come intenda procedere nell’ambito dei concorsi pubblici per i diversi corsi di laurea, promuovendo le competenze specifiche e considerando la capacità professionale e la competenza scientifica come due fattori entrambi afferenti allo spirito accademico.

Infermieristica, in metà Università italiane mancano professori di ruolo

I numeri che l’interrogazione riporta parlano da soli: sul totale di 487 docenti attualmente di ruolo nei settori scientifico-disciplinari (SSD) MED/45-50, solo 62 appartengono ai settori specifici dei profili delle 22 professioni sanitarie, appena il 13%. L’87% sono in prevalenza medici e odontoiatri, alcuni biologi, farmacologi e psicologi.

Lo scorso anno i docenti erano 457, trenta in meno di questo anno, a fronte dei 9.138 dell’intera area 6 di Medicina; il settore MED/45 (Scienze infermieristiche generali) ha in ruolo 43 docenti, di cui 40, ovvero il 93%, appartenenti alla professione infermieristica, che risultano ancora sotto-organico, se si considera l’esistenza di 42 corsi di laurea distribuiti su 217 sedi.

Mancano - spiega l’interrogazione riportata dalla Fnopi - professori di ruolo per il corso universitario di Infermieristica nella metà delle Università italiane, tra cui: Bologna, Parma, Ferrara, Pisa, Siena, Perugia, Ancona, Chieti, Napoli Federico II, Napoli Vanvitelli, Salerno, Campobasso, Foggia, Catanzaro, Catania, Messina, Palermo, Sassari e Cagliari.

L’interrogazione evidenzia poi come rispetto alle 22 professioni a cui appartengono oltre 687.000 operatori, i ruoli esistono solo per 11, quindi per la metà: 40 ruoli per infermieri su 456.000 iscritti all’Ordine, 9 per fisioterapisti su 66.000 iscritti, 4 per ostetriche su 21.000, 2 per igienisti dentali su 8.000 e 2 per terapisti delle neuro- e psicomotricità dell’età evolutiva su 5.000. Inoltre, un ruolo ciascuno per i circa 20.000 educatori, per i 12.000 logopedisti, per i 3.000 ortottisti, per i 3.000 terapisti della riabilitazione psichiatrica e per i 2.000 tecnici di neurofisiopatologia.

Le università con il maggior numero di ruoli non affidati a docenti appartenenti a una delle professioni sanitarie sono la “Sapienza” di Roma con 87 ruoli, di cui solo 4 per le professioni, e la “Federico II” di Napoli con 44 ruoli e nessuno per le professioni sanitarie. Non c’è dubbio – afferma l’interrogazione – che la mancanza dei docenti provenienti dalle rispettive professioni sanitarie mostri una debolezza della ricerca scientifica in questi stessi settori, situazione che da una parte non consente ai docenti di accedere alle rispettive abilitazioni scientifiche nazionali e dall’altra rende più deboli questi corsi di laurea in cui il livello del sapere che li caratterizza non raggiunge quello di un’adeguata elaborazione scientifica.

E secondo l’interrogazione c’è anche il dubbio che in questi trent’anni dalla istituzione dei corsi di laurea, i docenti-professionisti non abbiano potuto contare su una formazione scientifica ad hoc, ovvero una sorta di accompagnamento al lavoro scientifico con possibilità di dedicare tempo reale alla attività di ricerca.

scopri i vantaggi della convenzione

Commento (0)