Nurse24.it

Accessi vascolari

Riduzione del contatto operatore-paziente nell’emergenza Covid 19

di Redazione

La pandemia di Covid 19 ha portato alla creazione di indicazioni e linee guida da parte di società scientifiche e gruppi di lavoro inerenti agli accessi vascolari, su quali fossero i dispositivi da utilizzare nei vari setting in pazienti affetti da questa patologia. Lo scopo degli autori del lavoro è stato quello di determinare una eventuale riduzione del tempo di contatto operatore-paziente attraverso l’impianto di un accesso venoso periferico stabile con tecnica ecografica da operatori esperti nei paziente Covid-19.

Team accessi vascolari riduce il contatto operatore-paziente

Basandosi sulla revisione della letteratura e su interviste al personale sanitario, gli autori dello studio hanno creato un modello matematico che ha dimostrato una notevole riduzione del tempo di contatto operatore/paziente nel posizionamento di accessi vascolari tipo cannula tradizionale vs midline. Utilizzando cannule tradizionali in pazienti covid/DIVA nell’arco dei 30 giorni si accumula un tempo di contatto infermiere/paziente solo per il reperimento dell’accesso venoso di 220 minuti. Se si utilizzano cannule lunghe si accumulano 20 minuti e 90 minuti se si posizionano midline. Impiantando cannule lunghe e midline con ecoguida si è calcolato che il contatto medio tra operatore e singolo paziente si riduce di ben 160 minuti.

Il lavoro va a calcolare solo i tempi relativi all’impianto dell’accesso vascolare, non considera i tempi che occorrono per prelievi eseguiti in vena o tramite dispositivo e nemmeno la loro gestione. Lo studio oltre a determinare quanto si può ridurre il contatto operatore-paziente e conseguentemente la trasmissione di infezioni nosocomiali vuole essere un incentivo nella produzione di elaborati basati sulla raccolta dati negli ospedali italiani relativamente all’utilizzo e alla gestione degli accessi vascolari così da sottolineare ulteriormente i vantaggi che i Team di accessi vascolari garantiscono sia a livello economico che qualitativo nell’assistenza infermieristica.

Autori

  • Angela Benetti, nurse, PICC team Vittorio Veneto Hospital (Italy),master Vascular access
  • Julia Bellussi, nurse, ICU Vittorio Veneto Hospital (Italy)
  • Sergio De Nardi, Clinical specialist BD spa, master vascular access, VABC
scopri i vantaggi della convenzione

Commento (0)