Nurse24.it

salute mentale

Comunità terapeutica assistita e riabilitazione della persona

di Redazione

L’infermiere che lavora in una Comunità Terapeutica Assistita (CTA) deve possedere una certa predisposizione relazionale al paziente con disturbi mentali; lungi dal combattere il delirio di uno psicotico, ad esempio, si dovrebbe proporre di farglielo vivere nel modo meno conflittuale possibile. Fargli capire che il rifiuto della realtà vera, non lo porterà a niente di costruttivo. Questo - e molto altro - perché all'interno di queste realtà si mette in atto la riabilitazione della persona con problemi di salute mentale, con l'obiettivo di reinserirla nella società. Perché anche il paziente psichiatrico - quello che troppo spesso ancora oggi la società civile, i cosiddetti “sani”, definiscono “matto” - è un essere umano.

Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)