Nurse24.it

Standard in sanità

Provette per campione ematico

di Giacomo Sebastiano Canova

La gestione delle provette per campione ematico rappresenta una fase cruciale di tutto il processo di analisi laboratoristica. Esistono diverse tipologie di provette e l’esatta sequenza di campionamento e conservazione del materiale rappresentano aspetti importanti per garantire la correttezza dell’analisi che verrà condotta in laboratorio.

Tipologie di provette

Esistono numerose tipologie di provette per campione ematico

Esistono in uso numerose tipologie di provette che permettono la raccolta e la conseguente esecuzione di svariati esami ematochimici, dai più comuni ai più rari.

I colori sono standard (anche se possono differire in base alle case di produzione), così come l’eventuale contenuto che permette di garantire la corretta conservazione del materiale ematico.

Provette con attivatore della coagulazione

Le pareti interne delle provette con attivatore della coagulazione sono provviste di un rivestimento in particelle di silice micronizzata che attivano la coagulazione quando la provetta viene capovolta delicatamente nel processo di miscelazione dopo il prelievo.

Per questo motivo vengono utilizzate per condurre analisi chimiche sul siero. Queste provette sono utilizzate per le determinazioni su siero nelle analisi di routine nel campo della chimica clinica (ormoni, sierologia, immunoematologia e TDM).

Codice colore STD Additivo Campione ottenuto Raccomandazioni d’uso
Rosso Silice micronizzata attivatore della coagulazione Siero

Numero di inversioni: 5 - 6 volte

Conservazione del campione di siero separato dal coagulo: ≤ 8h:22 °C; > 8h ≤ 48h:4 °C; > 48h: - 20 °C

Tempo minimo prima della centrifugazione: 1h dal prelievo

Tempo massimo prima della centrifugazione: 2h dal prelievo

Centrifugazione: ≤ 1300 g x 10 min a 25 °C

Aliquote entro 2h dalla formazione del coagulo

Arancio Trombina Siero

Numero di inversioni: 5-10 volte

Conservazione del campione di siero separato dal coagulo: ≤ 8h:22 °C; > 8h ≤ 48h:4°C; > 48h: - 20 °C

Tempo minimo prima della centrifugazione: 5 min. dal prelievo

Tempo massimo prima della centrifugazione: 2h dal prelievo

Centrifugazione: ≤ 1300g x 10 min a 25 °C

Provette con separatore di siero integrato

Le provette per siero con separatore integrato contengono un gel barriera tixotropico nella parte inferiore della provetta. La densità relativa di questo materiale è compresa fra quella del coagulo di sangue e quella del siero e, durante la centrifugazione, il gel barriera transita fra il siero e il coagulo, formando una barriera stabile che separa il siero da fibrina e cellule.

Durante la centrifugazione, inoltre, il gel si muove verso l’alto formando una barriera stabile che separa il siero dalle cellule. Il siero può quindi essere aspirato direttamente dalla provetta per il prelievo, eliminando il bisogno del trasferimento in un altro contenitore.

Queste provette sono clinicamente testate e validate per il dosaggio di farmaci e la determinazione di ormoni.

Codice colore STD Additivo Campione ottenuto Raccomandazioni d’uso
Rosso Silice micronizzata e gel acrilico Siero

Numero di inversioni: 5 - 6 volte

Conservazione del campione: dopo la centrifugazione a temperatura ambiente fino a 48h

Tempo minimo prima della centrifugazione: 30 min. dal prelievo

Tempo massimo prima della centrifugazione: 2h dal prelievo

Centrifugazione: tra 1300g - 2000g x 10 min. a 20 - 25 °C

Provette con separatore di plasma integrato

La parete interna della provetta per plasma presenta adese 18 U.I. di eparina di litio, eparina di ammonio o eparina di sodio per 1 ml di sangue. L’anticoagulante eparina attiva le antitrombine, inibendo in questo modo la cascata coagulativa e producendo un campione di sangue intero/plasma ideale per condurre analisi rapide (ad esempio in Pronto soccorso).

Le provette con separatore litio eparina contengono al loro interno un gel barriera e la densità relativa di questo materiale è compresa fra quella delle cellule ematiche e quella del plasma.

Durante la centrifugazione il gel barriera si sposta verso l’alto fornendo una barriera stabile che separa il plasma dalle cellule, permettendo al plasma di essere aspirato direttamente dalla provetta per il prelievo, eliminando il bisogno del trasferimento manuale ad un altro contenitore.

Codice colore STD Additivo Campione ottenuto Raccomandazioni d’uso
Verde chiaro Gel acrilico Eparina di litio Plasma

Numero di inversioni: 8 - 10 volte

Conservazione del campione: dopo la centrifugazione a temperatura ambiente fino a 24h

Tempo minimo prima della centrifugazione: nessuno

Tempo massimo prima della centrifugazione: 2h dal prelievo

Centrifugazione: tra 1300 g - 2000 g x 10 min. a 25 °C

Provette con EDTA

Le provette con acido etilendiamminotetraacetico (EDTA) presentano adeso all’interno della parete della provetta EDTA K2 o EDTA K3 (1,7mg – 2,8 mg per ml di sangue), il quale lega gli ioni di calcio, inibendo in questo modo la cascata coagulativa. Le provette con EDTA sono utilizzate per le analisi di sangue intero in ematologia entro le 24 ore a temperatura ambiente: gli eritrociti, i leucociti e i trombociti in un campione di sangue anticoagulato per mezzo di EDTA rimangono stabili fino a 24 ore.

Inoltre, le provette con EDTA possono essere utilizzate anche per effettuare analisi di routine in campo immunoematologico (determinazione del gruppo sanguigno e del fattore Rh, test per la ricerca di anticorpi).

Le provette con EDTA possono essere utilizzate direttamente sugli analizzatori automatici senza che sia necessario aprirne i tappi e sono adatte per analisi su plasma EDTA per la diagnostica molecolare e per determinare la carica virale.

Codice colore STD Additivo Campione ottenuto Raccomandazioni d’uso
Lilla EDTA di-potassico o tri-potassico

Sangue intero

Plasma

Numero di inversioni: 8 - 10 volte

Conservazione del campione: temperatura ambiente

Centrifugazione: ≤ 1300 g x 10 min.

Provette sodio citrato

Le provette per la coagulazione contengono una soluzione tamponata di trisodio citrato, che inibisce questo processo al fine di poter condurre le analisi del caso e sono disponibili concentrazioni di citrato da 0,109 mol/l (3,2%) o 0,129 mol/l (3,8%).

Codice colore STD Additivo Campione ottenuto Raccomandazioni d’uso
Azzurro Sodio citrato tamponato Plasma

Numero di inversioni: 3 - 4 volte

Conservazione del campione: temperatura ambiente fino a 2h

Tempo minimo prima della centrifugazione: nessuno

Tempo massimo prima della centrifugazione: variabile a seconda della tipologia di test

Centrifugazione: 2000 g - 2500 g; durata 15 - 20 minuti

Comunque, a tempi e velocità in grado di assicurare un plasma povero di piastrine (<10.000 piastrine/µl)

Provette con eparina

Le provette con eparina sono rivestite sulla parete interna con eparina di litio o sodio atomizzata e vengono utilizzate per determinare gli analiti in chimica clinica. L'additivo agisce da anticoagulante e blocca la cascata di coagulazione.

Le provette con separatore di eparina contengono inoltre un gel separatore inerte sul fondo della provetta che, dopo la centrifugazione, forma una barriera stabile tra il plasma e le cellule ematiche. Queste provette con eparina con gel separatore migliorano la resa del plasma e consentono la conservazione del plasma in provette primarie.

Codice colore STD Additivo Campione ottenuto Raccomandazioni d’uso
Verde

Eparina di sodio

Eparina di litio

Plasma

Numero di inversioni: 8 - 10 volte

Conservazione del campione plasma separato dalla parte corpuscolata ≤ 8h: conservare il campione a 22 °C > 8h ≤ 48h: conservare il campione a 4 °C > 48h: conservare il campione a -20 °C

Tempo minimo prima della centrifugazione: nessuno

Tempo massimo prima della centrifugazione: 2h dal prelievo

Centrifugazione: ≤ 1300 g x 10 min.

Aliquote entro 2h dal prelievo

Provette con antiglicolitico

Per la determinazione della glicemia esistono tre tipologie di additivo, tutte esercitanti una funzione di contrasto della glicolisi enzimatica e di stabilizzatore dei valori di glucosio e lattato nel sangue: il Sodio Fluoruro, il Monoiodoacetato di Litio e il Sodio Fluoruro/Sodio EDTA, tutti combinati con un anticoagulante. Il Sodio Fluoruro/Sodio EDTA offre, inoltre, il vantaggio di poter determinare dalla medesima provetta l’emoglobina glicata.

Le provette per glucosio sono adatte per determinare glucosio nel sangue entro le 48 ore. A seconda del sistema di test, queste provette possono anche essere utilizzate per saggi del lattato, per i quali nella maggior parte dei casi viene impiegato fluoruro di sodio in combinazione con ossalato di potassio.

Codice colore STD Additivo Campione ottenuto Raccomandazioni d’uso
Grigio Sodio floruro EDTA Plasma

Numero inversioni: 8 - 10 volte

Conservazione del campione: a 25 °C entro le 24h; tra 2 e 8 °C entro le 48h

Tempo minimo prima della centrifugazione: nessuno

Centrifugazione: 1300 g x 10 minuti

Sodio Fluoruro Potassio Ossalato

Numero inversioni: 8 - 10 volte

Conservazione del campione: determinazione del glucosio entro le 72h dal prelievo

Tempo minimo prima della centrifugazione: nessuno

Centrifugazione: 1300 g x 10 minuti

Monoiodoacetato di Litio Eparina di Litio

Numero di inversioni: 5 - 6 volte

Tempo minimo prima della centrifugazione: nessuno

Centrifugazione: 1300 g x 10 minuti

Conservazione del campione centrifugato: entro 24h a 25 °C, entro le 48h tra 2 e 8 °C

Provette per elementi in tracce e monitoraggio farmaci

Le provette per l’analisi degli elementi in tracce e il monitoraggio farmaci sono testate per il rilascio di 11 oligoelementi estraibili con acqua (zinco, magnesio, ferro, piombo, calcio, rame, arsenico, manganese, cadmio, cromo ed antimonio).

Codice colore STD Additivo Campione ottenuto Raccomandazioni d’uso
Blu Nessuno Sangue intero Plasma

Numero inversioni: 8 - 10 volte

Conservazione del campione: temperatura ambiente

Tempo minimo prima della centrifugazione: nessuno

Tempo massimo prima della centrifugazione: 2h dal prelievo

Centrifugazione: forza ≤ 1300 g x 10 minuti

EDTA di potassico Eparina di Sodio

Numero inversioni: 8 - 10 volte

Conservazione del campione: determinazione del glucosio entro le 72h dal prelievo

Tempo minimo prima della centrifugazione: nessuno

Centrifugazione: 1300 g x 10 minuti

Provette con aprotinina

L’aprotinina, un inibitore della proteasi, è impiegato come stabilizzatore del campione di sangue in EDTA per la determinazione di ormoni ed enzimi polipeptidi instabili.

Codice colore STD Additivo Campione ottenuto Raccomandazioni d’uso
Rosa EDTA tri-potassico Aprotinina Plasma

Numero inversioni: 8 - 10 volte

Conservazione: senza centrifugazione, né decantazione: la durata dipendente dal substrato da dosare

Tempo minimo prima della centrifugazione: nessuno

Centrifugazione: condizioni variabili secondo le analisi

Provette con sodio citrato tamponato per VES

Le provette per VES contengono una soluzione di citrato di sodio al 3,2% come anticoagulante, con un rapporto diluizione di 1 parte di soluzione di citrato con 4 parti di sangue. Queste provette sono utilizzate per determinare la velocità di eritrosedimentazione.

Mentre le provette per VES realizzate in PET (polietilentereftalato) vengono utilizzate per la determinazione della VES basata sulla sedimentazione aperta, quelle realizzate in PP (polipropilene) sono adatte per la sedimentazione chiusa.

Codice colore STD Additivo Campione ottenuto Raccomandazioni d’uso
Nero Sodio citrato tamponato Sangue intero

Numero inversioni: 6 - 8 volte

Conservazione del campione: la determinazione della velocità di eritrosedimentazione deve essere fatta entro le 4 h dal prelievo nei campioni conservati a temperatura ambiente

Provette per biologia molecolare

Le provette per biologia molecolare permettono l’analisi delle mutazioni del DNA umano al fine di diagnosticare malattie genetiche con ereditarietà.

Questa metodica consente inoltre, attraverso l’analisi del DNA o del RNA virale, di verificare la presenza di un virus in un campione e di identificarne il numero di particelle.

Codice colore STD Additivo Campione ottenuto Raccomandazioni d’uso
Madreperla EDTA K2 e gel polimerico inerte Plasma

Numero inversioni: 8 - 10 volte

Conservazione del campione: 72h: a +4 °C

Dopo la centrifugazione conservabile fino a - 80 °C

Tempo minimo prima della centrifugazione: nessuno

Tempo massimo prima della centrifugazione: 2h dal prelievo

Centrifugazione: 1100 g x 10 min.

Verde/Rosso Sodio eparina e FICOLL™ Plasma e cellule mononucleate

Numero inversioni: 5 - 10 volte

Conservazione del campione: a temperatura ambiente fino a 24h

Tempo minimo prima della centrifugazione: nessuno

Tempo massimo prima della centrifugazione: 2h dal prelievo

Centrifugazione: 1500g - 1800g x 20 min.

Azzurro/Nero Sodio citrato e FICOLL™

Numero inversioni: 5 - 10 volte

Conservazione del campione: a temperatura ambiente fino a 24h

Tempo minimo prima della centrifugazione: nessuno

Tempo massimo prima della centrifugazione: 2h dal prelievo

Centrifugazione: 1500g - 1800g per 20 min.

Sequenza di riempimento delle provette

È importante notare come durante la raccolta e la manipolazione dei campioni di sangue possono verificarsi numerosi errori, che comportano rischi significativi ed evitabili per il paziente e per l’esecutore.

Qualora gli standard globali non siano pienamente implementati è più probabile che i pazienti subiscano lesioni durante la procedura, non si ottengano campioni biologicamente rappresentativi dai pazienti e i risultati dei test non siano comparabili da una struttura all'altra.

La corretta sequenza delle provette non elencate qui sopra dovrebbe prendere in considerazione la possibilità che il loro additivo modifichi i risultati ottenuti dalla provetta successiva.

Le provette di plastica per siero contenenti un attivatore della coagulazione possono causare interferenze nei test di coagulazione; prima della provetta di coagulazione possono essere raccolte solamente provette per emocoltura, provette per siero senza additivo o provette per siero senza attivatore del coagulo.

Commento (0)