Nurse24.it

COVID-19

Covid, l’impatto di tre no vax in Ecmo

di Massimo Canorro

Per tre pazienti tra i 50 e i 60 anni, non vaccinati, ricoverati in terapia intensiva al Sant’Orsola-Malpighi di Bologna si è reso necessario il collegamento ai macchinari Ecmo. La direttrice generale, Gibertoni: Diciotto infermieri, un medico e 24 mila euro di cure: è questo l’impatto quotidiano provocato dai tre.

L’impatto quotidiano di tre pazienti non vaccinati

I tre pazienti non vaccinati al policlinico Sant'Orsola-Malpighi richiedono quotidianamente circa 24mila euro 

Diciotto professionisti sanitari, un medico, 24mila euro al giorno destinati alle cure: è l’impatto provocato da tre no vax in Ecmol’ossigenazione extracorporea a membrana (Extra corporeal membrane oxygenation) – ricoverati in terapia intensiva per Covid presso il policlinico Sant’Orsola-Malpighi. Come riporta il Corriere di Bologna, per questi tre pazienti non vaccinati anche essere intubati non è bastato. Nei loro confronti, infatti, si è rivelato indispensabile il collegamento ai macchinari Ecmo, quasi una dialisi polmonare, per ossigenare il sangue all’esterno del corpo, considerando che i loro polmoni non riescono più a farlo per via delle complicanze provocate dal virus. Spiega la direttrice generale del policlinico, Chiara Gibertoni: Stiamo parlando di tre persone con un età compresa tra i 50 e i 60 anni, non vaccinate, colpite da una forma particolarmente severa di polmonite a causa del Covid. Quindi spiega meglio: Per effetto dell’infezione, i polmoni non riescono più a scambiare l’ossigeno con l’anidride carbonica nel sangue, poiché gli alveoli risultano intasati. Di fatto, si sono vetrificati.

È da ben dieci giorni che i tre pazienti sono collegati alle macchine e uno di loro, nel frattempo, si è anche negativizzato, evidenzia la direttrice. Questa terapia nata ai tempi dell’influenza suina di tipo A/H1N1 – per la quale il Sant’Orsola-Malpighi era uno dei centri di riferimento – può durare anche uno o due mesi, dopodiché se i pazienti non guariscono può essere necessario un trapianto polmonare, che per Covid non è ancora stato eseguito presso il nostro policlinico, oppure nel caso peggiore si arriva alla morte. Così, non trovando alcuna barriera dal vaccino, la malattia ha seguito la consueta (e temibile) evoluzione: una polmonite che nel tempo si è fatta sempre più pericolosa, al punto da indurre i medici a trasferire i tre pazienti dalla terapia intensiva Covid del padiglione 25 a quella del padiglione 23 “cardio-toraco-vascolare” per il collegamento con i macchinari Ecmo.

Un paziente Covid in terapia intensiva costa al servizio sanitario oltre 3mila euro al giorno, con la Ecmo si può giungere anche a 8mila euro

Con tutto ciò che determina anche in termini di spesa da sostenere. Un paziente in Ecmo comporta infatti la presenza incessante sulle 24 ore di un infermiere, quindi si alternano sei operatori in base ai turni su ciascuno dei tre pazienti, a cui si aggiunge un cardio-anestesista per monitorare la situazione. Non fa piacere vedere utilizzare queste risorse in un paese che assicura la vaccinazione gratuita a tutti – rimarca ancora la direttrice generale – un paziente Covid in terapia intensiva costa al servizio sanitario oltre 3mila euro al giorno, con la Ecmo si può giungere anche a 8mila euro.

Conti alla mano, quotidianamente vengono spesi circa 24mila euro per assicurare le cure necessarie a queste tre persone che hanno deciso di non vaccinarsi. Considerando che stiamo parlando di degenze tutt’altro che brevi – possono infatti raggiungere i due mesi – è facile comprendere l’incidenza economica. Con ogni probabilità – conclude Gibertoni – potremmo iniziare a presentare il conto virtuale, anche solo in modo figurato, per farlo comprendere a chi decide di rinunciare al vaccino. Parole, queste, che seguono quelle della virologa Ilaria Capua, secondo cui ai non vaccinati per scelta si potrebbe immaginare di proporre una piccola franchigia, per non dire ticket, in caso di ricovero Covid che vada a coprire almeno i costi “non sanitari” dell’ospedale.

Commento (0)