Nurse24.it

vaccino anti covid-19

Obbligo vaccinale: nuove indicazioni agli Ordini

di Massimo Canorro

Booster entro 120 giorni per chi ha terminato il ciclo primario e vaccino entro 90 giorni per i sanitari guariti mai vaccinati contro il Covid-19. Queste, in estrema sintesi, le nuove indicazioni del Ministero della Salute agli Ordini professionali per evitare la sospensione dei propri iscritti. Con una nota (si è ritenuto utile effettuare un ulteriore approfondimento giuridico per venire incontro alle difficoltà evidenziate), l’ufficio legislativo del Ministero ha fornito una serie di delucidazioni su quattro aspetti: i termini dai quali decorre l’obbligo della dose di richiamo ai sanitari vaccinati con ciclo primario; decorrenza per l’obbligo per i sanitari mai vaccinati che hanno contratto l’infezione; decorrenza per l’obbligo vaccinale per i sanitari che hanno contratto l’infezione entro 14 giorni dalla somministrazione della prima dose di vaccino bidose; decorrenza per obbligo vaccinale per i sanitari che hanno contratto l’infezione dopo il completamento del ciclo primario.

Il Ministero della Salute fa chiarezza su obbligo vaccinale e sospensione

Il Dl n. 24 del 24 marzo 2022 – “Disposizioni urgenti per il superamento delle misure di contrasto alla diffusione dell'epidemia da Covid-19, in conseguenza della cessazione dello stato di emergenza” – prevede che sanitari non vaccinati che contraggono il Covid, una volta guariti, non siano più suscettibili per l’assenza di rispetto delle norme sull’obbligo vaccinale sino alla scadenza del termine in cui la vaccinazione è differita in base alle indicazioni contenute nelle circolari del Ministero della Salute. In rapporto alle modalità mediante cui applicare questa disposizione – e a più ampio raggio sulla prassi di gestione dell’obbligo vaccinale per i sanitari (Dl 44/2021) anche in altre condizioni specifiche sulle quali, nel tempo si sono creati taluni dubbi di applicazione da parte degli Ordini professionali titolari dei provvedimenti di sospensione nei confronti dei propri iscritti non in regola con l’obbligo vaccinale anti-Covid (Dl 172 del 26 novembre 2021) – il Ministero della Salute ha inviato una nota particolarmente dettagliata agli Ordini, chiarendo diversi aspetti delle normativa relativa all’obbligo e alla sospensione.

Pertanto, il nuovo decreto con il calendario del ritorno alla normalità – di fatto, una road map dell’allentamento delle misure restrittive anti-Covid – ridefinisce anche le norme sull’obbligo di vaccino. Incrociandole con la fine del super green pass.

Giornalista

Commento (0)