Nurse24.it
scrivi una email per avere maggiori informazioni

Attualità Infermieri

Interventi privati in ospedale ai danni dei pazienti in lista

di Redazione

Truffa ai danni del servizio sanitario nazionale. Con questa accusa i Nas dei carabinieri di Palermo hanno denunciato 34 tra medici, infermieri e personale amministrativo della Fondazione ospedaliera Giglio di Cefalù e dell’assessorato regionale alla Salute.

Interventi fantasma a Cefalù, nei guai 34 tra medici e infermieri

sala operatoria

Nei guai gli infermieri e i medici del blocco operatorio

In realtà i capi di imputazione sono ben 87 in totale. Tra le accuse anche l’illecita gestione di specialità medicinali ad azione stupefacente. Secondo i carabinieri, medici, infermieri e impiegati di Cefalù agevolavano l’accesso di alcuni pazienti all’unità operativa di chirurgia generale della Fondazione ospedaliera a danno dei pazienti regolarmente in lista d’attesa per il ricovero e non assistiti direttamente da personale medico nella medesima struttura sanitaria,  in violazione sia delle normative nazionali e regionali relative alla prenotazione delle prestazioni sanitarie e accesso alle liste per poi essere sottoposti a intervento chirurgico, sia riguardo alla compartecipazione al costo delle prestazioni sanitarie - spiegano gli investigatori -. È stato pertanto leso, con il compimento deliberato di favoritismi e discriminazioni, il principio fondamentale dell'imparzialità e buon andamento della pubblica amministrazione.

In pratica, gli indagati usavano sale operatorie e farmaci dell’ospedale per interventi privati, agevolando i pazienti che pagavano e lasciando indietro quelli che accedevano con il normale sistema del servizio sanitario nazionale.

A far scattare l’indagine un sospetto sull’uso dei farmaci in dotazione al blocco operatorio e un intervento fantasma su una bambina, mai registrato.

Sono stati eseguiti interventi chirurgici privati utilizzando illecitamente le sale operatorie e i farmaci in dotazione all'ospedale – dicono i Nas - avendo cura di non lasciare traccia alcuna sui relativi registri. Inoltre, il medico utilizzava, in favore dei pazienti privati sottoposti ad intervento chirurgico nella struttura pubblica, alcune équipe mediche e infermieristiche che invece, in qualche caso, erano riservate per le urgenze.

Commento (0)