Nurse24.it
Partecipa ai webinar gratuiti su Salute.LIVE

professioni sanitarie

Insediato osservatorio Agenas su buone pratiche sicurezza

di Redazione

Si è insediato questa mattina presso la sede dell'Agenas l'Osservatorio nazionale delle buone pratiche sulla sicurezza nella sanità. Un tassello importante per la piena applicazione della Legge sulla responsabilità professionale, ha commentato il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, a margine della prima riunione dell'Osservatorio.

Partiti i lavori dell'Osservatorio Agenas su buone pratiche sanità

sede centrale agenas

La sede centrale Agenas

L'Osservatorio nazionale delle buone pratiche sulla sicurezza nella sanità, previsto all'art. 3 della Legge 24/2017, è nato con il compito di raccolta e sistematizzazione di tutti i dati relativi agli eventi avversi e ai rischi sanitari per comprenderne le cause ed evitare che si ripetano, nonché individuazione di linee di indirizzo, in collaborazione con le società scientifiche e le associazioni tecnico scientifiche delle professioni sanitarie, e formazione del personale sanitario.

Approvazione del regolamento, individuazione e costituzione di gruppi di lavoro sulle priorità da affrontare in tema di sicurezza delle cure sono stati i temi all'ordine del giorno della prima riunione, che si è svolta alla presenza del ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, del capo dell'Ufficio di Gabinetto del ministero, Giuseppe Chinè, e del relatore della Legge, Federico Gelli.

L'istituzione dell'Osservatorio delle buone pratiche - ha detto Lorenzin - rappresenta un tassello importante per la piena applicazione della Legge sulla responsabilità professionale. Una legge che garantisce da un lato il diritto del cittadino ad essere risarcito in caso di errore medico e al contempo garantisce al medico di poter lavorare in serenità e quindi di non temere nel compiere interventi che possono salvare la vita delle persone, che questi possano essere trasformati in occasioni di denuncia.

Contrastare la piaga della medicina difensiva è sempre stato un tema sul quale il ministero ha prestato grande attenzione e su cui abbiamo dato risposte concrete a cittadini e professionisti. In questo quadro, l'Osservatorio ha un ruolo decisivo nell'acquisire i dati regionali su rischi ed eventi avversi, individuare misure per la prevenzione e la gestione del rischio sanitario e il monitoraggio delle best practice per la sicurezza delle cure nonché per la formazione e l'aggiornamento del personale sanitario.

Condivisione e messa in comune di dati, linee di indirizzo e buone pratiche, in particolare, sono le parole intorno alle quali ruoterà l'attività dell'Osservatorio. Da oggi nell'ambito dell'Osservatorio - ha fatto sapere Luca Coletto, presidente Agenas - si perfezionerà e rafforzerà la già rodata e lunga collaborazione tra l'Agenzia e le Regioni nell'attività di monitoraggio del rischio clinico, che in questi anni ha fatto da apripista, favorendo lo sviluppo di una cultura organizzativa del risk management improntata alla condivisione.

Secondo il dg Agenas, Francesco Bevere, è un mosaico che si ricompone. Con l'Osservatorio ci si avvia verso il superamento della frammentarietà in tema di sicurezza delle cure e si va verso quell'unitarietà, presupposto necessario affinché attraverso l'attività di monitoraggio dei fattori e delle cause degli eventi si possa raggiungere una concreta attività di prevenzione dei rischi, coinvolgendo direttamente i principali attori delle organizzazioni sanitarie - ha concluso - per consentire un efficace coordinamento dei comportamenti della cultura degli operatori sanitari, ad ogni livello.

Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)