Nurse24.it

Professionisti della salute

Regioni a Lorenzin: Fondo per valorizzare ospedali dismessi

di Redazione

Le Regioni hanno chiesto a Beatrice Lorenzin di istituire un fondo nazionale per la valorizzazione degli ospedali in disuso, in modo da ricapitalizzare il patrimonio immobiliare che altrimenti andrebbe perso.

La richiesta di un fondo nazionale per valorizzare ospedali in disuso

Antonio Saitta, coordinatore della Commissione salute della Conferenza delle Regioni

Le Regioni hanno proposto al ministro della salute, Beatrice Lorenzin, la costituzione di un fondo nazionale per valorizzare gli ospedali dismessi.

Lo ha fatto sapere il coordinatore della commissione salute della Conferenza delle Regioni, Antonio Saitta, al termine della riunione odierna.

Stiamo assistendo alla costruzione di ospedali nuovi e si liberano quelli vecchi. Questo significa che c'è un patrimonio immobiliare che non viene più utilizzato e non viene ricapitalizzato - ha spiegato Saitta - Allora abbiamo pensato: Perché a livello nazionale non si costruisce una norma, come avvenuto per le caserme, per cui il patrimonio immobiliare disponibile delle Asl non venga conferito in un fondo che permette di avere risorse che possiamo reimmettere nel fondo sanitario nazionale?

Altrimenti è un patrimonio che decade. Si potrebbe fare un’operazione di conferimento di questo patrimonio in un fondo nazionale per la valorizzazione di queste strutture.

Saitta ha poi sottolineato che il secondo tema trattato è stato quello delle professioni sanitarie. Ci sono professioni come medici di urgenza, anestesisti, che stanno scomparendo. Registriamo che in alcune Regioni facciamo concorsi e non ci sono candidati - ha detto Saitta - C'è quindi una necessità di riallineare la domanda all'offerta che vuol dire intervenire anche sulla formazione.

Abbiamo chiesto al ministro di costituire un organo con il Miur e le Regioni in modo di favorire processi di formazione adeguati alla domanda, perché c'è una discrasia enorme che ci preoccupa adesso e per il futuro.

Commento (0)