Nurse24.it

Concorso Infermieri

Umberto I, ok del Tar al ricorso. Prova scritta rinviata

di Leila Ben Salah

Prova scritta rinviata per il contestato concorso all’Umberto I di Roma. Il Tar del Lazio infatti ha riscontrato che il ricorso presentato da numerosi candidati, che si sono uniti in class action, è fondato.

Umberto I, ricorso fondato, l’azienda rinvia la prova scritta

tar del lazio

Il Tar del Lazio ha ritenuto fondato il ricorso

Il concorso era stato contestato perché alle preselezioni erano fuoriuscite le domande, facilitando notevolmente chi aveva sostenuto la prova nei giorni successivi al primo. Ma non solo. Diversi studi legali avevano avanzato una class action sostenendo l’effettiva illegittimità della procedura concorsuale.

Ora il Tar del Lazio ha riscontrato che il ricorso non è manifestamente infondato. Significa – spiegano i legali dello studio Gallone&Urso – che siamo nel cautelare, non potendo sospendere per mancanza del pericolo, il Tar ha ordinato pubblici reclami. Il Policlinico ha recepito immediatamente e ha pubblicato un comunicato in cui avverte che a seguito dei ricorsi presentati da alcuni candidati, il Tar del Lazio ha fissato la Camera di Consiglio per la trattazione collegiale dell’istanza cautelare per il 9 maggio 2017. Pertanto la prova scritta, fissata per venerdì 14 aprile 2017, è rinviata a una nuova data, che sarà tempestivamente comunicata.

Ma c'è anche l'altra faccia della medaglia. I 1750 infermieri che hanno passato la preselezione hanno saputo all'ultimo minuto della decisione del Tar e non l'hanno presa bene. La prova scritta è stata rinviata con solo 48 ore di preavviso - dice una candidata -. 1700 infermieri si sono ritrovati ad aver studiato, ad aver preso permessi a lavoro, prenotato voli/viaggi/hotel (cioè investito soldi) inutilmente. Io sono un'infermiera libero professionista attualmente impossibilitata a lavorare e sono anni che partecipo a concorsi. Mai mi era capitata una cosa del genere. Noi abbiamo passato questa preselezione sudandocela e vorremo avere la dannata possibilità di sostenere questa prima prova concorsuale. Fino ad ora si è parlato solamente di ricorsi, chi pro e chi contro, ma ci sono 1700 infermieri che sperano e credono ancora in questo concorso e nel sistema in generale.

Giornalista

Commento (0)