Nurse24.it
scrivi una email per avere maggiori informazioni

Editoriale

Un giorno lungo un turno

di Giordano Cotichelli

Dai metti su il caffè, sennò chi si muove stamattina. Già chiamano. Ancora deve sorgere il sole e già cominciano. Se mai hanno smesso. Bene, i prelievi. Facile a dirsi. Qua le vene neanche col luminol riesci a vederle. Ma quando vengono a posizionare il PIC? Finisco qui è arrivo. Il cordless? Sì brava, così sto sempre a rispondere al telefono. Devo finire ancora il giro e già ho due aghi da cambiare. Fammi schiacciare queste e… non credo che va bene mandare tutto quanto giù pel sondino: pappa, acqua, farmaci, fermenti. Ma no, dai! Dicevo per dire, ti pare. Sto qui, piano piano a somministrare la terapia per via enterale con tutto il tempo a disposizione. Nessun problema. Tanto ci sono gli altri tre colleghi a portare avanti il lavoro. Ah! Non ci sono? Ma non mi dire! Piuttosto hai visto in sala d’attesa? Come si fa? Sì, sì i codici colore, come per il triage, anche se credo sia inutile aumentare i colori se non aumenti il numero degli infermieri e dei medici.

NurseReporter

Commento (0)