Nurse24.it

IPASVI

La Campania si mobilita per il lavoro

di Rosario Scotto di Vetta

Quella del 12 maggio 2017 è stato un modo inusuale di festeggiare la ricorrenza internazionale dell’infermiere. Ogni anno, in questa data, i collegi Ipasvi della Campania cercano con manifestazioni pubbliche di avvicinare i cittadini alla professione infermieristica promuovendo prevenzione nelle piazze delle città. Quest’anno I presidenti Ipasvi delle cinque province campane riuniti nel coordinamento regionale dei collegi, presieduto da Andrea Della Ratta, hanno voluto lanciare una campagna con un’unica parola d’ordine: occupazione.

Occupazione, la campagna dei collegi Ipasvi campani

Tutti gli studi statistici di settore fino ad ora pubblicati dimostrano e mettono in risalto come la sanità regionale della Campania ha raggiunto il fondo del barile in termini di assistenza ai cittadini. Solo con nuove assunzioni, nuovi posti di lavoro per gli infermieri campani sarà possibile aumentare servizi e assistenza continuando a garantire e migliorare i livelli essenziali di assistenza.

Abbiamo cercato con questo evento, di unire varie problematiche lavorative e occupazionali degli infermieri campani: quelli che sono in attesa di un concorso di mobilità extraregionale, i tanti colleghi che lavorano negli ospedali pubblici con contratti a progetto regionali e aziendali, i colleghi che svolgono prestazioni seguendo la logica del lavoro somministrato che chiaramente vedono lo scorrimento delle graduatorie di mobilità come un’eventuale possibilità di perdere la loro posizione di lavoro - ha esordito spiegando il presidente napoletano Carbone

All’incontro ha presenziato anche il consigliere regionale Michele Schiano di Visconti e Maria Antonietta Ciaramella, della commissione sburocratizzazione della pubblica amministrazione, Annamaria Minicucci, Direttore Generale Santobono-Pausilipon e Antonio Giordano, Direttore Generale dell’Asl di Salerno, che a gran voce ha incitato i politici seduti in aula affinché, con un comune sforzo, si possano esaurire tutte le graduatorie di mobilità degli infermieri fuori regione in modo da sperare di espletare un unico concorso regionale.

l muso duro di Ciro Carbone sulla spartizione dei posti messi a disposizione per le assunzioni: Noi non vogliamo nulla di più di quello che ci tocca nel rispetto degli standard nazionali. È giusto che chiunque fa politica chieda trasparenza e verifichi se all’interno delle singole ASL o Aziende Ospedaliere il rapporto medici/infermieri è rispettato. Animo aspro da parte di Cosimo Cicia, presidente collegio Ipasvi Salerno che rivendica assunzioni per gli infermieri e non solo ed unicamente per medici così come è avvenuto in più circostanze. Abbiamo 5000 infermieri mancanti in Regione Campania mentre gli infermieri neolaureati sono ogni giorno costretti a rivolgersi al mercato del lavoro europeo. La parte politica, quella tecnica e gli ordini professionali da tempo sono impegnati sul tema occupazione. Vogliamo essere propositivi e dare risposta ai tanti giovani colleghi.

Il presidente del collegio partenopeo ha voluto stabilire delle priorità sulla questione lavoro: Siamo vicini a tutti, principalmente vicino a chi non lavora, i disoccupati. Azzerare in modo velocissimo le graduatorie di mobilità extraregionali ancora vigenti per gli infermieri generalisti e infermieri pediatrici in Campania e bandire un unico concorso. Se fatto in modo lesto, potrebbe essere la risposta che i nostri colleghi si aspettano dalle istituzioni- In conclusione Ciro Carbone – La strada che abbiamo intrapreso a questo tavolo e quella che potrebbe sbloccare definitivamente la situazione.

Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)