Nurse24.it
iscriviti al webinar gratuito >

testimonianze

Raffaele, infermiere e cantante per amore

di Ferdinando Iacuaniello

1c02df27d352caf7b0780fd631512bf4

Iniziamo con le presentazioni, chi sei?

Mi chiamo Raffaele De Mato ormai da anni gli amici mi chiamo rafa ed a me piace scriverlo cosi “rapha”, vivo a Napoli e lavoro a Napoli, sono Infermiere e me ne vanto ahahaha dal 2006 ho lavorato in medicina generale, cardiologia e adesso lavoro in chirurgia ed ortopedia.

Quando nasce la passione della musica e del canto? 

 

:-) da sempre perchè non ricordo mai un momento del mio passato senza la musica, da piccolino recitavo e cantavo in una festa chiamata “la festa degli anziani” ahahaha ed ero molto molto piccolino :-)

Chi sono i Moodhula?

 

I moodhula sono....... io con la mia band :-)
Moodhula è un'alterazione dello stato d'animo prodotta dalla buona musica (good vibes). Il nome della band deriva, infatti, dalla fusione del termine inglese "mood", ovvero stato d'animo, con "hula", il seducente ancheggiare del ballo hawaiano hula hula: proprio a sottolineare la forte voglia di emozionare della band accompagnata da una sperimentale ricerca dell'essenza musicale, della pulsazione ritmica primordiale e tribale. Il nome moodhula nasce a Napoli, nel 2003 e siamo io (Raffaele De Mato) e Dario Castaldo. ma solo nell'aprile del 2006, la band è selezionata da "La Canzonetta", e partecipa alla compilation "Napoli Sound System vol. 2". Nel 2007, i Moodhula lavorano in studio al loro primo Ep "Quasi Tutto". Nel 2008 il desiderio di suonare aldilà delle etichette porta la crew ad affiancare alla live band due nuovi progetti: il Moodhula Dj set e il Moodhula acoustic combo. Nell'aprile 2011 incontriamo Andrea Cannata e lavorando in studio insieme a lui nasce il disco d'esordio Rewind – Play Solo Andata (FULLHEADS – DISTRIBUZIONE AUDIOGLOBE).

 
Riesci a conciliare il lavoro con la tua passione?

 

Certo uno dei tanti lati positivi del mio lavoro (nostro) è quello che ti permette anche di continuare a vivere un sogno, non a caso ci sono molti musicisti che come noi lavorano in ospedale, pensa potrei scrivere un elenco quasi infinito di musicisti infermieri/medici dai rapper di NY ai cantanti Italiani....ne sono veramente tanti...il connubio musica/medicina è spettacolare anzi posso anche aggiungere che molti musicisti che non sono infermieri e medici sostengono il loro bilancio economico facendo la musicoterapia anche se non rende poi tanto economicamente ma molto spiritualmente un’altra cosa per me importante.

 
Prima dell'estate con il tuo gruppo avete presentato il disco di esordio, come sta andando?

Bene anche se bisogna capire che la crisi adesso è diffusa in tutti i settori e forse quello della musica lo ha avvertito, poi c’è la storia che la gente non compra più CD musicali perchè si scaricano gratis poi c’è la storia ormai saputa e risaputa che in italia la musica è diventato un varietà su canale 5, italia 1 dove non bisogna essere talentuosi o aver studiato musica da piccolini ma serve essere delle gnocche disumane e dei bellocci di papà e aprire la bocca solo quando lo vuole maria e purtroppo non quella maria jamaicana che “usano alcune etnie religiose :-)” ahahaha e quindi questo ha portato la cultura musicale italiana ad un livello molto molto basso....basta semplicemente notare che a Londra nascono cantati come Dionne Bromfielda, a Parigi Ben l’oncle soul, a New York la gente impazzisce per John legend & the roots per non dire anche di Jay-z mentre qui in Italia non si aspetta altro che osannare i prossimi Amici di Maria de Filippi.

 

Ho avuto il piacere di ascoltare il disco, il brano verità mi ha colpito particolarmente, ci racconti com'è nato?

 

Quello che scrivo spesso è quello che avverto, vivo o vedo oppure sono prese di posizioni prese verso qualcosa o qualcuno. Verità è per il mio punto di vista nei confronti delle benzodiazepine sono contrario a tutto quello che porta dipendenza.

Come ti definiresti Infermiere per passione e cantante per professione o viceversa?

 

ahahaha bella questa domanda alla Marzullo e la rispondo come se fosse un “ fatti una domanda e datti una risposta” ahahaha un Infermiere che per amore fa il cantante. Perchè io la musica la amo.

 

Ricordi le tensioni vissute durante l'università per esami ecc..com'è cambiata la tua vita oggi che sei "famoso"?

 

Ricordo le tensioni?? ma ancora oggi mi trovo a parlare con i colleghi di quei momenti e mi ritorna il brivido ahahaha io odio l’attesa e il pre-esame mi stimolava un aumento di succhi gastrici e un aumento della colite a livelli stratosferici ahahaha.
Oggi la mia vita è cambiata dalle riduzioni di questi problemi da studente a turni in ospedale e progetti riunioni con l’etichetta del disco e l’agenzia di Booking che deve in qualche modo trovare sempre spazio o eventi per farci suonare e conoscere perchè non ci si diventa famosi con 1 disco non nel 2011 :-) quindi piedi per terra e la testa che progetta i prossimi passi che dovranno essere fatti sempre con il cuore :-).

 

Grazie Raffaele per averci concesso l'intervista, ti auguriamo uno speciale in bocca al lupo per il tuo futuro.

 

[iframe width="560" height="315" src="http://www.youtube.com/embed/_QiwxU335K0" frameborder="0" allowfullscreen]

Commento (0)