Nurse24.it
scrivi una email per avere maggiori informazioni

Terapia Intensiva

La voce degli infermieri che hanno curato il piccolo Charlie

di Redazione

Negli ultimi mesi il caso del piccolo Charlie Gard ha catalizzato l’attenzione di tutto il mondo e tutti, tra politici, leader religiosi e specialisti hanno detto la loro. Le uniche voci non ancora ascoltate sono quelle degli infermieri e dei medici del Great Hormond Street Hospital (Gosh), che si sono presi cura del bambino ricoverato in terapia intensiva, alcuni dei quali hanno ricevuto delle minacce di morte. In una lettera pubblicata sul Guardian uno dei 200 componenti dell’équipe di cura spiega la loro posizione: Abbiamo fatto tutto ciò che era possibile. È stato straziante, ma vogliamo dire a quei leoni da tastiera che ci descrivono come mostri che noi abbiamo curato Charlie con tutte le nostre forze, con ogni fibra del nostro essere.

Caso Charlie, gli infermieri: Straziante, ma era nostro dovere dire basta

Da un lato il tentativo di aiutare una famiglia disperata nel salvare l’unico figlio, dall’altro, l’obbligo di fare ciò che l’ospedale pensava fosse nel suo interesse. In una lettera tutto lo strazio degli infermieri e degli operatori che si sono presi cura del piccolo Charlie in terapia intensiva neonatale.

Commento (0)