Nurse24.it

Libera professione infermiere

Come inviare i dati delle fatture all'Agenzia delle Entrate

di Elisa Garbarini

Infermieri liberi professionisti? Lo sapevate che dovete inviare all’Agenzia delle Entrate i dati delle fatture emesse ai vostri pazienti per via telematica? Pochi lo sanno, ma è un obbligo di legge. Ecco allora un vademecum per spiegare passo passo cosa fare e come farlo per non incappare in errori.

Come fare passo passo per inviare i dati all'Agenzia delle Entrate

Innanzitutto è necessario avere una mail Pec, che l’Enpapi fornisce gratuitamente ai suoi iscritti.

Quindi bisogna effettuare la registrazione per poter ricevere l’accreditamento al sistema TS a questo link

A questo punto vanno richieste le credenziali per iscritti agli albi professionali degli infermieri

1. Registrazione al sistema TS

Occorre compilare la registrazione con la Partita Iva, i dati riguardanti la propria tessera sanitaria, l’indirizzo Pec e l’iscrizione all’albo Ipasvi della propria regione.

A questo punto si riceverà una mail dal sistema che confermerà l’inoltro della richiesta con un numero di protocollo. Entro la stessa giornata o al massimo una settimana, si riceveranno tramite una seconda mail i dati per concludere la registrazione. È arrivato il momento di accedere al link riportato nella mail, dove si dovrà inserire il codice di sicurezza comunicato.

2. PEC di conferma identificativo

Il codice permetterà di scaricare un file Pdf contenete la parola chiave di accesso al portale Sistemats.

3. Accesso al portale Sistemats

A questo punto occorre autenticarsi con il codice fiscale e la parola chiave assegnata, che successivamente si dovrà modificare scegliendo una nuova password.

Quando si saranno completati gli ultimi passaggi, si potrà accedere all’area riservata con le proprie credenziali.

4. Inserimento Spese Sanitarie

Per inserire i dati delle fatture emesse ai pazienti bisogna cliccare su Gestione 730 , poi su Inserimento spese sanitarie. Una procedura un po' impegnativa, ma indispensabile.

Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)