Nurse24.it
Preparati con il corso di aggiornamento e preparazione al Concorso OSS

Concorso OSS

Puglia, anomalie nei punteggi: graduatoria da rivedere

di Redazione

Caos sul concorsone per l’assunzione di 2445 Oss in regione Puglia: ricevuta una percentuale altissima di dichiarazioni “incongrue” sui servizi prestati dai partecipanti al concorso gestito dal Policlinico di Foggia. Per questo l'Azienda sta ultimando la verifica e, nel caso, nei prossimi giorni disporrà l’annullamento e la riapprovazione, in autotutela, della graduatoria finale.

Concorsone Oss Puglia, lavori in corso per la revisione della graduatoria

Mediante un avviso ai candidati pubblicato sul portale aziendale, l'AOU Ospedali Riuniti di Foggia fa sapere che sono in corso i lavori di verifica sulla graduatoria del concorso unico regionale per 2445 posti Oss.

È stato riscontrato, infatti, che moltissimi concorrenti hanno dichiarato non correttamente i servizi espletati presso la struttura di riferimento indicata, i periodi lavorati e il profilo professionale. Tutto è partito dalla segnalazione di alcuni candidati che hanno puntato il dito sull’anomalia nel punteggio di conoscenti che hanno partecipato alla selezione.

In conseguenza di questo, spiega l'Azienda, si è determinata l’errata attribuzione di punteggi, secondo il sistema di calcolo automatizzato in piattaforma, ai servizi auto-dichiarati.

Erano ben 20 i punti disponibili per la valutazione dei titoli, una finestra di punteggio determinate per scalare posizioni in graduatoria. Ma i servizi svolti alle dipendenze di cooperative sociali, società in house, Rssa, Rsa, istituti sanitari non meglio specificati, Crap, associazioni, Case di riposo, Case della salute, centri e consorzi, comunità alloggio, Ipab, Istituti scolastici, ecc – spiegano dall’Azienda -, per espressa previsione del Dpr 220/01 e articolo 8 del bando, non possono in nessun caso essere valutati.

Per questo, anche grazie al lavoro di una task force costituita a supporto della commissione onde procedere velocemente al riscontro anche dei titoli di servizio dichiarati dai candidati e per porre rimedio alle anomale e incoerenti dichiarazioni presentate dai candidati – prosegue la nota dell'Azienda -, sicuramente poste in essere in buona fede, siamo stati costretti a rivedere tutte le dichiarazioni in ordine ai servizi espletati la cui elaborazione è avvenuta secondo il dispositivo informatico della piattaforma online.

Stiamo ultimando la verifica e, nel caso, nei prossimi giorni disporrà l’annullamento e la riapprovazione, in autotutela, della graduatoria finale. Resta in ogni caso ineludibile la verifica e l’obbligo di controllo documentale finale da parte dell’Azienda – concludono -, scelta da ciascun candidato, preventivo alla stipula del contratto di assunzione.

Commento (0)