Nurse24.it
Partecipa ai webinar gratuiti su Salute.LIVE

Ricerca

Leadership infermieristica e salute organizzativa percepita

di Redazione

La leadership infermieristica assume un ruolo fondamentale nell’influenzare la percezione che gli infermieri hanno della propria organizzazione. È necessaria una leadership che coinvolga ed incoraggi, ovvero l’empowering leadership. A tal proposito molto interessante risulta un'indagine osservazionale sulla relazione tra la salute organizzativa vissuta dagli infermieri e la percezione dell'empowering leadership style effettuata presso l’Ospedale Universitario di Salerno.

Un'indagine osservazionale sul Management delle professioni sanitarie

Nell’ambito del management delle professioni sanitarie, l’Infermiere Dirigente svolge un ruolo fondamentale nel garantire il benessere organizzativo, ovvero la capacità di un’Azienda Sanitaria, non solo di essere efficace e produttiva in termini di salute erogata all’utente, ma anche di crescere e svilupparsi promuovendo e mantenendo un adeguato grado di benessere fisico e psicologico dei sanitari (Sili, Alvaro, Fida, Vellone, & Avallone, 2016).

Valda Upenieks, Infermiera Dirigente, nel 2002 affermava: il mio obiettivo personale è fornire agli infermieri gli strumenti necessari per far bene il loro lavoro. Io non curo i pazienti… loro li curano. Il mio lavoro è di prendermi cura di loro, in modo che loro possano prendersi cura dei pazienti.

Quindi la leadership infermieristica assume un ruolo fondamentale nell’influenzare la percezione che gli infermieri hanno della propria organizzazione. È necessaria una leadership che coinvolga ed incoraggi, ovvero l’empowering leadership.

Come affermato in uno studio è opinione condivisa e comprovata che dipendenti, organizzazioni e clienti (o utenti) possano trarre grandi benefici da un contesto “empowered” o “empowering”, in termini di clima organizzativo, impegno, efficacia, efficienza e produzione di innovazione (Bobbio, Rattazzi, & Murar, 2007), quindi vantaggi in termini di buona pratica professionale, buona qualità di cura dei pazienti, buoni risultati organizzativi e salute fisica e psichica degli infermieri.

  • Articolo a cura di Monica Petralito, Infermiera
Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)