Nurse24.it
scopri i vantaggi della convenzione

studenti

Espulsa tirocinante infermiera dopo aver pubblicato una foto sul web

di Rosario Scotto di Vetta

Yalalova stava osservando l'intervento di una ragazza di 16 anni che si era lanciata dall’ottavo piano di un condominio.

RUSSIA. Una studentessa infermiera russa è stata espulsa e condannata dopo aver caricato foto mentre era in possesso di un organo umano appena rimosso durante un'operazione chirurgica in sala operatoria, beffeggiando la paziente sui social.

Gulnaz Yalalova, 20 anni, è stata espulsa dopo aver caricato una immagine e aver preso  in giro una paziente adolescente mentre lavorava in un ospedale di Kazan, a 500 miglia a Est di Mosca. 

Appena dopo aver pubblicato sul web le sue immagini con in mano un organo della paziente, un amico ha chiesto: “Yalalova ti stai divertendo?” . La tirocinante infermiera Yalalova, che era al terzo anno di università e indossava un camice apposito per poter accedere e assistere all’intervento, ha risposto: “Sicuro. Guarda, si tratta di una ragazza di 16 anni che si è lanciata dall’ottavo piano”.

La studente del Kazan Medical College, ha detto: “È in grave condizioni, costole rotte, lesioni craniche, milza esportata. È molto più facile dire che è OK. È una pazza, che pesa oltre 124 kg”.

L'amico rispose: “Bene bene, ora capisco perché l'ha fatto”.

Non appena le immagini sono state ora portate alla luce, a Yalalova è stato vietato di tornare in tirocinio in ospedale.

“Sono assolutamente disgustato da questo caso orribile riguardo alla studentessa”  ha commentato il direttore della Clinica, Rustem Gaifullin. "È stato un intervento chirurgico serio, la giovane è caduta dall’ottavo piano. L’équipe medica gli ha salvato la vita. Di certo la studentessa non potrà mai più tornare qui per il tirocinio.”

Il direttore del prestigioso Kazan Medical College, Zukhra Khisamutdinova, ha detto: “Non abbiamo avuto mai problemi con lei. È il primo caso del genere nella storia di 177 anni del nostro College".

Inoltre, ha aggiunto: “Ci sono regole interne molto rigide per gli studenti, sul comportamento e vestiti, ma non ci sono regole riguardo i social network. Non potevamo neanche immaginare che una cosa del genere potesse un giorno accadere".

Sergei Petrushin, docente di psicologia presso l'Università di Kazan, ha commentato: "Penso che questo sia un segno di immaturità emotiva e sociale. Alla sua età si pensa di essere adulti, ma in termini di psicologia la ragazza proprio non capisce che il suo atteggiamento è stato ingiusto”.

“È un problema generale dei nostri giovani. Essi sono immaturi, i loro confini etici non sono chiari. Difficilmente riescono a capire cosa è bene e il male. Ma chiunque può fare un errore. Se la ragazza medita profondamente su questo errore e si rende conto di quello che ha fatto, lei può ancora ambire a diventare un’infermiera in futuro”  - ha concluso. 

 Fonte: dailymail.co.uk

Commento (0)