Nurse24.it

Attualità Infermieri

Con l'ambulanza a comprare frutta e verdura

di Redazione

L’equipaggio del 118, in servizio di pronta reperibilità, in realtà andava a comprare frutta e verdura e lo faceva con l’ambulanza. In 34 tra medici, infermieri e personale sanitario dell’ospedale Fratelli Parlapiano di Ribera (Agrigento) sono stati denunciati dalla guardia di finanza per assenteismo.

Assenteismo, denunciati i furbetti del cartellino e del 118

L’operazione delle Fiamme Gialle ha svelato un vero e proprio sistema in cui i dipendenti dell’ospedale quotidianamente timbravano, ma poi, invece di andare a lavorare, tornavano a casa, andavano a sbrigare delle faccende personali. Una dipendente sanitaria periodicamente andava a fare la spesa durante l’orario di ufficio e un’altra invece andava a farsi i capelli dal parrucchiere.

Ancor più grave il comportamento del team del 118. Interi equipaggi in servizio di pronta reperibilità, infatti, si allontanavano periodicamente con mezzi propri o addirittura con l’ambulanza in loro dotazione per sbrigare faccende domestiche, per comprare frutta e verdura, distogliendo il mezzo e l’equipaggio dal servizio di pronta reperibilità.

I reati contestati sono: truffa ai danni di un ente pubblico, peculato, interruzione di pubblico servizio e produzione di false certificazioni.

Le attività di indagine hanno coinvolto 34 tra medici, infermieri e ausiliari del Parlapiano di Ribera. Nel mirino dei finanzieri anche i medici responsabili delle visite fiscali, che si limitavano a compilare il referto della visita richiesta dai datori di lavoro senza effettuare la visita e senza neppure avere un contatto con il paziente.

Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commenti (1)

Snami

Avatar de l'utilisateur

1 commenti

ENORME FALSITÀ

#1

QUESTA È UNA FALSITÀ! IL 118 NON È MAI DISTOLTO DAL PROPRIO COMPITO, IN QUANTO NON RISPONDE AD UN TELEFONO FISSO, MA AD UN CELLULARE O VIA RADIO, COLLEGATA CON LA CENTRALE OPERATIVA 118 DI RIFERIMENTO! QUINDI NON CE INTERRUZIONE DI SERVIZIO!!! SNAMI sicilia