Nurse24.it

infermieri

Concorso Mestre, il caso finisce alla Camera

di Redazione

Continua la polemica sul concorso di Mestre. Ora la vicenda è arrivata anche alla Camera con una interrogazione parlamentare diretta al ministro della salute.

Il caso del concorso di Mestre arriva alla Camera

concorso mestre

La folla accalcata al concorso di Mestre

I deputati stellati Donatella Agostinelli, Emanuele Cozzolino, Marco Da Villa e Arianna Spessotto hanno presentato un’interrogazione parlamentare, chiedendo chiarezza al ministro. Nel mirino l’ormai famoso concorso Usl 3 Serenissima, per assunzioni a tempo indeterminato, a cui hanno partecipato 4.200 candidati provenienti da tutta Italia.

Lo svolgimento delle prove – scrivono i deputati nell’interrogazione - è stato caratterizzato da gravi anomalie e irregolarità, denunciate dai concorrenti: le prove, organizzate in due turni, uno mattutino e uno pomeridiano, per permettere di contenere l'enorme afflusso di persone all'interno della struttura, sono iniziate, in entrambi i casi, con circa tre ore di ritardo rispetto all'orario di convocazione e in una situazione difficile, con centinaia di persone costrette a restare per ore in spazi molto limitati. Inoltre, i test erano sprovvisti di barcode, che invece comparivano soltanto sulla scheda anagrafica ed erano inseriti in buste aperte insieme al foglio del test.

Ma non finisce qui: Gravi anomalie si sono riscontrate anche nella graduatoria apparsa sul sito internet della Usl 3 Serenissima – si legge nell’interrogazione - con evidenti errori tra cui doppi nominativi o nominativi mancanti, che hanno costretto la Usl 3 Serenissima a rimuoverla dal proprio sito. I deputati chiedono un intervento immediato di governo e ministro della salute.

Gli infermieri esclusi avevano anche scritto all'Ipasvi di Venezia.

Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)