Nurse24.it

Attualità Infermieri

Infermiera aggredita in ambulanza, il sindacato: Ora basta

di Redazione

Ancora un’aggressione, ancora a un’infermiera, stavolta mentre assiste un paziente in ambulanza. Succede a Roma e il Nursind locale lancia l’allarme.

Aggressione in ambulanza, ferita un’infermiera

soccorso ambulanza

L'infermiera è stata aggredita in ambulanza

La vittima è un’infermiera in servizio su un’ambulanza dell’Ares 118. È stata aggredita dal paziente stesso mentre lo stava assistendo. Finita in Pronto soccorso, la professionista se l’è cavata con alcune ecchimosi sul corpo e una prognosi di cinque giorni.

Ma il Nursind provinciale dice basta e chiede di non tagliare il personale in servizio. Il rischio infatti sarebbe solo quello di aumentare l’insicurezza. I tagli, dice infatti, il Nursind provinciale sono un grave pregiudizio sulla sicurezza oltre che dei cittadini anche degli stessi operatori come dimostra il caso della collega aggredita sola nel mezzo di soccorso con il suo aggressore. Nursind è da sempre contraria alla riduzione del numero di personale nelle ambulanze in primis per garantire tutti insieme le migliori condizioni di sicurezza all'interno dei mezzi di soccorso a tutela dei professionisti e dei pazienti soccorsi. La segreteria Nursind vista la vile aggressione subita dalla collega esprime la piena solidarietà e vicinanza e sin da ora si riserva di agire a completa tutela della collega aggredita.

È ora di dire basta alle aggressioni conclude il sindacato.

Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)