Nurse24.it
iscriviti al webinar gratuito >

Le 10 regole per migliorare la sicurezza dei pazienti

di Ferdinando Iacuaniello

ac4dbc5bf3793d268025746e30ceec34

RIMINI. Identificate 22 strategie per la sicurezza dei pazienti, di cui 10 sono fortemente raccomandate. A pubblicarle, nel suo blog è Nino Cartabellotta (Fondatore GIMBE) che riporta quanto evidenziato su Annals of Internal Medicine. Il risultato emerso dopo avere valutato quantità e qualità delle evidenze disponibili.

Ecco l’elenco degli interventi che organizzazioni sanitarie e professionisti devono urgentemente implementare in maniera sistematica:

  1. Checklist pre-operatorie e anestesiologiche per prevenire eventi avversi peri-e post-operatori
  2. Pacchetti che includono checklist per prevenire le infezioni sistemiche CVC-correlate
  3. Interventi per ridurre l’utilizzo del catetere vescicale: reminder, stop orders, protocolli di rimozione a gestione infermieristica
  4. Pacchetti per la prevenzione della polmonite da ventilazione meccanica che includono: sollevamento della testata del letto, interruzioni della sedazione, igiene orale con clorexidina, tubi endotracheali per l’aspirazione subglottica
  5. Igiene delle mani
  6. Predisporre un elenco di abbreviazioni pericolose da non usare
  7. Interventi multifattoriali per ridurre le lesioni da decubito
  8. Precauzioni barriera per prevenire le infezioni associate all’assistenza
  9. Utilizzo dell’ecografia in tempo reale per il posizionamento delle vie centrali
  10. Interventi per migliorare la profilassi del tromboembolismo venoso

Concude - Cartabellotta - Curioso osservare come la quasi totalità degli interventi coinvolga prevalentemente il personale infermieristico: e intanto, davanti all’indiscutibile rilevanza di tale professione per migliorare la sicurezza dei pazienti, in Italia si continua a discutere delle autonomie professionali degli infermieri…

Fonte: ninocartabellotta.it - Shekelle PG, et al. The top patient safety strategies that can be encouraged for adoption now. Ann Intern Mer 2013;158:365-368

 

Commento (0)