Nurse24.it

Roma

Infermiera al lavoro nonostante una flebo al braccio in corso

di Sara Di Santo

Irene, infermiera in servizio presso il reparto di Oculistica e Day Surgery multidisciplinare del presidio ospedaliero Giovan Battista Grassi, continua a lavorare con il sorriso sulle labbra come ha sempre fatto, nonostante una grave forma di anemia la costringa a dipendere da una flebo di ferro.

Infermiera gravemente anemica, in servizio metre si cura

Carenza di personale, reparti sovraffollati e attese interminabili stanno caratterizzando da tempo l'operatività dell'ospedale Grassi di Ostia, così come quella di molte altre realtà italiane. Tutto questo, unitamente alle recenti polemiche sollevate da alcuni canali di informazione, rischia di nascondere l'altra faccia della medaglia, quella costituita da operatori sanitari che lavorano con dedizione e abnegazione, professionisti che assistono i cittadini malgrado le criticità innegabili del nostro sistema sanitario nazionale.

Professionalità messa in campo anche da Irene, infermiera del reparto di Oculistica del Grassi che, nonostante la serietà della sua anemia la costringa a dipendere da una flebo di ferro, continua ad occuparsi del suo lavoro: l'assistenza.

Irene è in accettazione, si occupa della gestione dell'agenda dei medici e di fornire indicazioni ai pazienti; lo fa anche oggi, nonostante l'anemia, nonostante la flebo in corso, mostrando che la professione infermieristica comprende anche una passione in grado di far superare scogli personali.

Dovrebbe essere cosa normale portare avanti il proprio operato, riconfermare la propria dignità nel lavoro, ma spesso, oggi, normale non è.

Ecco allora che l'esempio dell'infermiera Irene, in un periodo storico in cui sono all'ordine del giorno episodi di assenteismo, di timbrature di cartellini in boxer e pantofole, di disservizi per il cittadino causati dall'ingordigia di pochi, fa notizia.

Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)