Nurse24.it

epilessia

In classe tutti hanno un ruolo per le emergenze

di Redazione

Nove anni e "anomalie epilettiformi interessanti". Per aiutare lui, la maestra di scuola ha istruito tutti i compagni che ora hanno un compito preciso in caso di crisi in classe. I genitori del piccolo, che hanno scoperto il "foglio istruzioni" per caso andando ai colloqui con gli insegnanti, hanno raccontato sui social la loro gratitudine.

Bimbo con epilessia, i compagni di classe ora sanno come soccorrerlo

foglio istruzioni epilessia a scuola

Un grande insegnamento di solidarietà. Così la mamma del piccolo di 9 anni che soffre di "anomalie epilettiformi interessanti" ha commentato - commossa - sui social l'iniziativa della maestra del figlio.

Grazie a lei, infatti, oggi in una scuola di Riccione c'è una classe che sa cos'è l'epilessia e come ci si deve comportare in caso di una crisi. E ognuno ha il suo compito: se all'insegnante spetta il ruolo di regista dei soccorsi, c'è chi prende il farmaco, chi chiama i bidelli, chi corre all'armadietto per prendere il cuscino e chi allerta altri insegnanti.

Con tanto di cartellone con nominativi e sistema di turnazione degli incarichi. Cartellone che i genitori del piccolo hanno scoperto per caso, in occasione dei routinari colloqui con gli insegnanti.

Questo foglio per me è la vita, è amore per il prossimo. Altruismo, è altruismo. Io ho il magone in gola perché so che in classe non vedono l'ora di avere il nome scritto lì sopra

Grazie a questa maestra, ha scritto su Facebook la mamma del bimbo, i suoi compagni si preparano ad essere utili e a reagire in caso di necessità. Io mi sono fortemente commossa. La maestra ha compiuto un gesto di estrema importanza perché li ha resi partecipi e preparati per una cosa importantissima: Aiutare. Questo è un grande insegnamento di solidarietà.

Questi bambini un giorno per strada si fermeranno ad aiutare chi ha bisogno e non si volteranno dall'altra parte! Io ho il magone in gola perché so che in classe non vedono l'ora di avere il nome scritto lì sopra. Noi famigliari insegnamo a casa certi valori e principi ma poi è di fondamentale importanza che anche la società segua un certo percorso. Questo foglio per me è la Vita, è amore per il prossimo, è altruismo.

Quando una maestra può fare un'enorme differenza. Mio figlio sta vivendo tranquillo non solo per noi a casa che cerchiamo di fare un cammino amorevole ma anche perché ha risposte così meravigliose dall'esterno ma che è sempre un ambiente dove vive. Grazie è poco maestra Elena Cecchini.

Commento (0)