Nurse24.it
scrivi una email per avere maggiori informazioni

Tumore ai testicoli se ne parla poco e si fa poca prevenzione

di Marco Alaimo

#Tiriamolefuori e non chiedetemi cosa! Così inizia la campagna di sensibilizzazione lanciata anche da Marco Bianchi, divulgatore scientifico nella squadra del Prof. U.Veronesi e cuoco amatoriale salutare ma con gusto, autore di libri di cucina e volto televisivo. Attraverso i social tenta, insieme ad altre iniziative, di risvegliare l'attenzione su un probema di cui se ne parla poco, la prevenzione del tumore al testicolo. Marco ci ricorda che "Le donne sono sempre più sensibili e coraggiose degli uomini anche quando si parla di prevenzione". Perché?

Gli infermieri come ambasciatori della prevenzione

Prevenzione tumore testicoli

#TeniamoceliStretti e #Tiriamolefuori campagna di sensibilizzazione sul tumore al testicolo.

"Cari uomini dobbiamo avere meno paura, ma soprattutto saperci ascoltare e avere coraggio. Immaginiamo di esser un pianoforte, impariamo a suonare la nostra melodia della salute tastandoci ascelle, collo, inguine e controllando attentamente i nostri testicoli. Una formazione irregolare, non dolente, dura e fissa potrebbe essere un campanello d'allarme.

Tumori al pene e testicolo sono in aumento, colpa di alimentazione scorretta, fumo, alcool, ma soprattutto, per il tumore del pene, della scarsa igiene e del papillomavirus. Negli ultimi trent'anni i casi di cancro ai testicoli sono aumentati di circa il 45 per cento (soprattutto nei giovanissimi tra i 16 e i 24 anni). Condividete! Sensibilizzate!"

Il tumore al testicolo è una forma rara di tumore che colpisce i giovani tra i 15 ed i 40 anni con percentuali che si assestano intorno all'1-1,5 % dei tumori. In italia ci sono un caso ogni 100mila abitanti, quindi circa 600-700 casi in tutto. In genere, si sviluppa in uno o in entrambi i testicoli. Raramente colpisce gli anziani.

Come fare autopalpazione

Avere un simile tumore negli anni 70 significava morte certa, o quasi. Ma oggi, grazie alla ricerca e alle nuove terapie (vedi la PEB), le percentuali si sono praticamente invertite fino a raggiungere livelli di guarigione del 90% e oltre.

Insieme a questa iniziativa dobbiamo anche ricordare la campagna #TeniamoceliStretti ktesticolo.it in cui si invitano i maschietti a essere attivamente responsabili della prevenzione attraverso l'autopalpazione.

Il tumore al testicolo possiamo quindi imparare a riconoscerlo a combatterlo e a vincerlo, ma dobbiamo soprattutto insistere sulla prevenzione, gli infermieri – come tutti gli operatori e i professionisti della Salute – devono assolutamente farsi "ambasciatori della prevenzione" in tutte le sue forme e con tutti i mezzi disponibili.

Un link molto interessante e di grande aiuto è quello della AIRC (Associazione Italiana Ricerca sul Cancro) www.airc.it in cui si danno consigli sulla prevenzione, cura e diffusione di questo tumore e si insegna l'autopalpazione del testicolo; inoltre è importante insegnare ai ragazzi questa manovra anche perché l'unica visita che prevedeva l'esame dei testicoli era quella per la leva militare, che è stata abolita con la decadenza della leva obbligatoria.

Commento (0)