Nurse24.it

L'intervista

Infermieri a scuola, l'esperienza di Livorno

di Leila Ben Salah

Infermieri nelle scuole. All’estero è così da tempo, ma in Italia ancora siamo molto lontani. Eppure ci sono due scuole superiori a Livorno che hanno deciso di portare avanti un progetto, insieme alla Svs Pubblica Assistenza, per avere tutti i giorni un’infermiera a disposizione di oltre tremila tra ragazzi e personale docente e non.

Martina, l’infermiera che lavora nella scuola

L’idea è partita dal preside del villaggio scolastico Cecioni a Livorno. E subito recepita dalla Svs Pubblica Assistenza. L’infermiera selezionata, Martina Cavazzuti, tutte le mattina va a scuola, nell’infermeria, e gestisce le emergenze. Chi si fa male durante l’ora di educazione fisica, chi ha un attacco di panico o chi ha delle patologie ben note. Insomma, lei è il punto di primo intervento per tutti: ragazzi, docenti e personale scolastico.

Il progetto è partito ad aprile e dopo una prima fase sperimentale si spera che venga riproposto anche il prossimo anno. Sempre che la scuola abbia le risorse necessarie. Perché l’infermiera è pagata dalla scuola, ma la Svs Pubblica Assistenza di Livorno fornisce attrezzature e corsi di formazione.

Sarebbe un bel salto di qualità e di civiltà se anche altre scuole di Italia adottassero questo progetto – dice Marida Bolognesi, presidente di Svs -. Non si può pensare che con migliaia di persone concentrate in un’unica zona, principalmente nell’orario mattutino, non succeda mai nulla e non si può pensare nemmeno di chiamare sempre il 118 o di scaricare sugli insegnanti il problema. Il progetto sta avendo un numero elevato di interventi – continua Bolognesi – il ché vuol dire che risponde a un bisogno. Purtroppo in Italia non è ancora cresciuta questa sensibilità. Io spero che le famiglie si rendano conto di questa esigenza e che tutti, noi, famiglie, scuole, insieme riusciamo a sensibilizzare le istituzioni perché questa realtà si espanda in tutto il paese e perché la nostra diventi una civiltà evoluta.

Ascolta l’intervista a Martina Cavazzuti, infermiera nella scuola:

Giornalista
Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)