Nurse24.it
Partecipa ai webinar gratuiti su Salute.LIVE

Infermiere

Aggredito a Napoli, Carbone: Vivo per miracolo

di Pino de Martino

L’ennesima brutale aggressione al personale sanitario è andata in scena al pronto soccorso dell’Ospedale dei Pellegrini. Un infermiere è vivo per miracolo. La diagnosi è di trauma cranico. Solo per un miracolo si è scongiurato il peggio. Nel frattempo le istituzioni, da noi più volte sollecitate, che dovrebbero garantire la sicurezza sui posti di lavoro e il diritto alla salute, risultano ancora una volta colpevolmente assenti.

Carbone (Opi Napoli): Infermieri e medici aggrediti. Istituzioni assenti

infermiere aggredito su una barella

Uno degli infermieri aggrediti al Pellegrini di Napoli

Così, Ciro Carbone, Presidente dell’Ordine degli infermieri di Napoli, dopo l’ultimo episodio di violenza. Al collega infermiere, l’Ordine professionale tutto esprime piena solidarietà.

Ma, osserva Carbone, è tempo di dare risposte risolutive ad un fenomeno, quello delle aggressioni nei presidi sanitari, ormai diventate all’ordine del giorno. Purtroppo dobbiamo registrare con amarezza che i nostri allarmi, le nostre sollecitazioni e le nostre proposte alle istituzioni per contrastare la violenza negli ospedali giacciono sui tavoli delle istituzioni.

Nei prossimi giorni torneremo a sollecitare un intervento urgente presso la Regione Campania con tutti i soggetti interessati per varare provvedimenti urgenti e operativi contro la drammatica assenza di sicurezza negli ospedali ed in tutti i luoghi di lavoro della sanità, in particolare nell’area dell’emergenza sanitaria ospedaliera e territoriale.

L’episodio è accaduto ieri mattina, poco dopo le 10.30 quando l’equipe del 118 della postazione Piazza del Gesù ha soccorso un extracomunitario tossicodipendente, ritrovato in overdose e privo di coscienza in vicoletto San Gennaro dei Poveri, al centro storico.

Trasportato al vicino ospedale “Vecchio Pellegrini”, il paziente, al risveglio, si è scagliato come una furia sul personale sanitario presente e distruggendo parte del mobilio e dei presidi ospedalieri. L’extracomunitario ha sferrato calci, pugni e schiaffi contro i sanitari del 118 ed contro il personale dell’ospedale, distruggendo 2 computer delle postazioni mediche del pronto soccorso e varie suppellettili.

La polizia ha bloccato l’uomo che è stato preso in carico dagli agenti, poco prima che sferrasse un nuovo attacco con un’asta reggiflebo ad uno dei cinque feriti, un infermiere in servizio presso il Pronto soccorso dell’Ospedale dei Pellegrini.

Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)