Nurse24.it
scrivi una email per avere maggiori informazioni

liguria

Opi Savona: organico da rinforzare in modo significativo

di Massimo Canorro

Con un comunicato, l’Ordine delle professioni infermieristiche della provincia di Savona auspica che a breve vi sia un esito soddisfacente alla ricerca avviata di personale da inserire in organico, ma porta anche il proprio supporto all’Ordine dei medici, al centro di nuovi attacchi no vax. Gesti vili che offendono tutti.

Carenza di infermieri in Liguria

Neppure la regione amministrata da Giovanni Toti è esente da queste criticità, tanto che l’Opi di Savona torna ad esprimere la più completa solidarietà ai professionisti sanitari che quotidianamente mettono a disposizione della popolazione le proprie competenze tecnico professionali e relazionali nonostante in Asl 2 – e non soltanto – le dotazioni degli organici siano ancora deboli e da rinforzare in maniera significativa. E ancora, manifesta tutto il proprio sostegno all’Ordine dei Medici per gli attacchi no vax subiti nei giorni scorsi.

In merito alla carenza di professionisti sanitari, nella nota diramata dall’Ordine degli infermieri viene fatto presente che seppur la Asl 2 si stia adoperando fattivamente a reperire professionisti sanitari, permangono importanti carenze di personale. Si auspica che con l'imminente conclusione delle prove concorsuali del bando a tempo indeterminato, promosso da Regione Liguria, nuove risorse vengano assunte rapidamente. E ancora, la presidente dell’Opi della provincia di Savona, Roberta Rapetti, rivolge un pensiero di stima e ringraziamento agli infermieri che operano in ogni contesto della sanità pubblica e privata, per il loro proficuo impegno e le rilevanti capacità di presa in carico degli assistiti nei processi clinico/assistenziali, di prevenzione, cura e accompagnamento e alle loro abilità di governare alcuni comportamenti aggressivi, spesso giustificati e mai giustificabili.

E ancora, girando indietro le lancette dell’orologio, alcuni giorni fa è stata vandalizzata la sede dell’Ordine dei medici e degli odontoiatri di Savona: scritte no vax sulle vetrate e manifesti funebri con i nomi e le fotografie di persone morte in giovane età. Solidarietà è stata subito espressa dal presidente della Fnomceo, la Federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri, Filippo Anelli, e da tutti i presidenti degli Ordini territoriali. Un gesto grave e vile – incalza la presidente Rapetti – che offende tutti i professionisti sanitari che con professionalità e abnegazione tutelano da sempre la salute pubblica.

Quindi conclude con un appello: L’Ordine delle professioni infermieristiche rivolge un invito alle istituzioni politiche e sociali, alle associazioni di volontariato, ai mass media e ai cittadini a vigilare, per prevenire, impedire e denunciare gravi forme di violenza, perpetrate nei confronti degli operatori della salute, che giornalmente prestano, con competenza, la loro attività lavorativa a garanzia e promozione della salute individuale e collettiva, condannando e stigmatizzando con fermezza ogni tipologia di insulto verbale e/o fisico.

Commento (0)