Nurse24.it

Sindacato Infermieri

Cambio divisa e consegne, Nursing Up: È orario di lavoro

di Redazione

Agli infermieri dell’azienda Santa Croce e Carle di Cuneo verrà riconosciuto come orario di lavoro il tempo per il cambio divisa e il passaggio delle consegne a ogni turno. Lo fa sapere il sindacato degli infermieri Nursing Up Piemonte: Accordo importantissimo, speriamo che questo diritto venga esteso anche al resto del Piemonte.

Tempo divise e consegne infermieri, Nursing Up: A Cuneo accordo storico

infermieri in corridoio

Nursing Up Piemonte: Tempo divisa e consegne infermieri? È lavoro

È un accordo importante raggiunto nei giorni scorsi con l’azienda ospedaliera santa Croce e Carle di Cuneo che permetterà agli infermieri di vedersi finalmente riconosciuto e inserito all’interno dell’orario di lavoro - e come tale retribuito - il tempo necessario al cambio per indossare la divisa e quello per il passaggio di consegne tra un turno e l’altro. Si tratta di una vera svolta, dopo anni di richieste, che fino a oggi non erano state soddisfatte.

Questo accordo arriva dopo altri esempi sparsi a macchia di leopardo, come le linee di indirizzo su tempo divisa e consegne della Toscana e la sentenza del Tribunale di Larino, che  aveva riconosciuto il diritto alla retribuzione del tempo impiegato per il cambio divisa in favore di 14 infermieri.

Un accordo innovativo e importante – come ha commentato in un comunicato il Segretario Regionale del sindacato degli infermieri Nursing Up, Claudio Delli Carri, sigla che ha sottoscritto l’accordo – che sicuramente potrà fare da esempio per essere applicato anche ad altre realtà nel resto del Piemonte.

È il riconoscimento di un diritto per un aspetto inderogabile del nostro lavoro a ogni turno. Sia la corretta vestizione, sia un preciso briefing per il passaggio delle consegne al cambio turno, infatti, sono chiaramente aspetti del lavoro quotidiano dell’infermiere e come tali devono essere considerati anche dal contratto.

I dettagli dell’accordo

L’accordo con l’azienda cuneese prevede una quantificazione sia in termini di tempo (da 10 a 22 minuti), per il passaggio di consegne e la vestizione, sia di carattere economico, con una quota di 22 euro mensili come “produttività collettiva” per tale incombenza. Un tempo in pratica che viene riconosciuto come interno all’orario di lavoro, non aggiuntivo, che dà la possibilità di effettuare tali operazioni.

Un occhio al passato

L’accordo - come specificvato nel comunicato Nursing Up - prevede inoltre, per sanare il passato, un indennizzo di 300 euro per ogni infermiere interessato dall’accordo stesso per il periodo dal gennaio 2010 fino alla fine dell’anno, e di 100 euro, quale produttività collettiva, per tutto il resto del personale non infermieristico.

Mentre dal gennaio 2018, invece, entra in vigore il nuovo accordo che prevede appunto i suddetti 22 euro mensili per gli infermieri e, per il resto del personale, il riconoscimento di 7 minuti in più giornalieri quale orario di lavoro.

Non si tratta di un premio – conclude Delli Carri - Ma di un giusto riconoscimento economico per un’attività non derogabile. Ora mi auguro che anche tutte le altre aziende sanitarie del Piemonte adottino lo stesso tipo di schema per sanare anche nelle loro realtà tale situazione.

Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commenti (1)

Nurse76

Avatar de l'utilisateur

1 commenti

Mica male

#1

Mica male prendersi meriti di altri. Scritto così parrebbe merito vostro ma no. Risulta proprio il vostro minimo coinvolgimento.

Questo articolo descrive la realtà.

http://www.lastampa.it/2017/11/23/edizioni/cuneo/lospedale-di-cuneo-riconosce-ai-dipendenti-il-tempo-per-indossare-la-divisa-b2NmWuiirMWd1yWW689xTP/pagina.html