Nurse24.it
entra a far parte della community di priofessionistidellasalute.it >

sindacato

Sciopero generale degli infermieri: 3 novembre 2014, Italia sanitaria a rischio paralisi

di Angelo

18d2fa990243b5f4ec94abbc01e25243

ROMA. «L'Italia della sanità pubblica è a rischio paralisi.» È quanto promette uno dei principali sindacati di categoria, il Nursind di Andrea Bottega, che rappresenta circa il 10% degli infermieri pubblici dello Stivale. L'astensione dal lavoro è prevista per il 3 novembre 2014 in tutte le aziende sanitarie di matrice pubblica. Saranno garantite, cosi come prescrive la Legge, le attività minime programmate e in urgenza/emergenza.

Nursind in una nota inviata alla stampa ribadisce lo stato di abbandono e di stress in cui sono costretti a lavorare gli Infermieri Italiani: stipendi da fame, turni di lavoro massacranti, blocco del turnover, demansionamento e attività svolte spesso senza presidi assistenziali e di protezione fanno da corollario a una protesta che si è trasformata in esigenza vitale per molte strutture pubbliche dove gli errori stress-correlati sono sempre più in aumento e con essi le richieste di risarcimento da parte di pazienti e familiari.

 

Non ha senso risparmiare sul personale per poi aumentare i costi del servizio dovuti a rimborsi per processi e diatribe legali.

 

Possono aderire allo sciopero anche i non iscritti a Nursind. 

 

Ribadiamo il nostro distacco dall'iniziativa non per la bontà della manifestazione, le cui finalità restano nobili e apprezzabili, quanto per la necessità di fare sistema e di portare nelle piazze non solo i dipendenti pubblici, ma anche i colleghi che lavorano in aziende private, in cooperativa, con contratti a termine o in regime di libera professione. 

 

Sogniamo un Nursind nuovo che assieme all'Ipasvi e alle altre sigle sindacali ridiano dignità e forza a un comparto vitale per la sanità pubblica e privata italiana. Spesso ci ritroviamo, però di fronte a battaglie intestine che nulla di buono hanno portato finora ai "nurse" nostrani.

 

entra a far parte della community di priofessionistidellasalute.it >

Commento (0)