Nurse24.it
iscriviti a prezzo convenzionato

ilcor 2023

Consenso internazionale 2023: Pediatric Life Support

di Giacomo Sebastiano Canova

È stato recentemente pubblicato da parte dell’International Liaison Committee on Resuscitation il riepilogo annuale contenente le versioni più concise del consenso finale sulle raccomandazioni scientifiche con i trattamenti per quanto riguarda il Pediatric Life Support.

Rianimazione ECPR per l’arresto cardiaco nei bambini

È suggerito che l’ECPR possa essere considerata come un intervento per neonati e bambini selezionati (ad esempio, popolazioni cardiache pediatriche) con arresti cardiaci intraospedalieri refrattari alla rianimazione cardiopolmonare convenzionale in contesti in cui i sistemi di rianimazione consentono che l’ECPR sia ben eseguita e implementata (raccomandazione debole, evidenza di certezza molto bassa ).

Non vi sono prove sufficienti nell’arresto cardiaco pediatrico extraospedaliero per formulare una raccomandazione terapeutica per l’uso dell’ECPR.

Esame clinico per la previsione della sopravvivenza con buon esito neurologico

Tutti i test valutati (reattività pupillare, livello di coma, risposta motoria del GCS, riflessi del tronco encefalico) sono stati utilizzati in combinazione con altri test. Sebbene l’accuratezza predittiva dei test sia stata valutata individualmente, è raccomandato che nessun singolo test venga utilizzato isolatamente per la previsione di un buon risultato neurologico (dichiarazione di buona pratica).

È suggerito di utilizzare il riflesso pupillare alla luce entro 12 ore dopo il ROSC per prevedere un buon esito neurologico nei bambini dopo un arresto cardiaco (raccomandazione debole, evidenza di certezza molto bassa). Non è possibile formulare una raccomandazione a favore o contro l’uso del GCS totale, del punteggio motorio GCS o della risposta motoria dopo ROSC per prevedere un buon esito neurologico nei bambini dopo un arresto cardiaco. Non è possibile formulare una raccomandazione a favore o contro l’uso dei test del tronco encefalico dopo ROSC per predire un buon esito neurologico nei bambini dopo arresto cardiaco.

Biomarcatori per la previsione della sopravvivenza con buon esito neurologico

Tutti i test valutati sono stati utilizzati in combinazione con altri test. Sebbene l’accuratezza predittiva dei test sia stata valutata individualmente, è raccomandato che nessun singolo test venga utilizzato isolatamente per la previsione di un buon risultato neurologico (dichiarazione di buona pratica).

È suggerito di utilizzare un valore normale di lattato plasmatico (<2 mmol/L) fino a 12 ore dopo il ROSC per prevedere un buon esito neurologico dei bambini dopo arresto cardiaco (raccomandazione debole, evidenza di certezza molto bassa).

Non è possibile formulare una raccomandazione a favore o contro l’utilizzo del tempo necessario alla clearance del lattato entro 48 ore dopo il ROSC per prevedere un buon risultato neurologico. È suggerito di non utilizzare il pH dopo il ROSC per prevedere un buon esito neurologico dopo l’arresto cardiaco (raccomandazione debole, evidenza di certezza molto bassa).

Non è possibile formulare una raccomandazione a favore o contro l’uso di neuro-biomarcatori nel sangue (ad esempio, S100B NSE) dopo ROSC per prevedere un buon esito neurologico nei bambini dopo arresto cardiaco.

Elettrofisiologia per la previsione della sopravvivenza con buoni risultati neurologici

Tutti i test valutati sono stati utilizzati in combinazione con altri test. Sebbene l’accuratezza predittiva dei test sia stata valutata individualmente, è raccomandato che nessun singolo test venga utilizzato isolatamente per la previsione di un buon risultato neurologico (dichiarazione di buona pratica). È suggerito di utilizzare l’EEG entro 6-72 ore dopo il ROSC per prevedere un buon esito neurologico nei bambini dopo arresto cardiaco (raccomandazione debole, evidenza con scarsa certezza).

È suggerito di utilizzare le seguenti caratteristiche EEG dopo ROSC per prevedere un buon esito neurologico: presenza del fuso del sonno e dell’architettura del sonno II tra 12 e 24 ore, EEG di fondo continuo o normale tra 1 e 72 ore o reattività EEG tra 6 e 24 ore (debole raccomandazione, evidenza di certezza molto bassa).

È suggerito di non utilizzare le seguenti caratteristiche EEG dopo ROSC per prevedere un buon esito neurologico: assenza di convulsioni cliniche o elettrografiche; assenza di stato epilettico; assenza di epilessia mioclonica; assenza di soppressione del burst, attenuazione del burst o scariche epilettiformi periodiche generalizzate; o assenza di EEG attenuato, isoelettrico o piatto (raccomandazione debole, evidenza di certezza molto bassa).

Non è possibile formulare una raccomandazione a favore o contro l’uso della presenza o dell’assenza di SSEP di risposta N20 dopo ROSC per prevedere un buon esito neurologico. Non è possibile formulare raccomandazioni a favore o contro l’uso della variabilità EEG, del voltaggio EEG o del punteggio EEG quantitativo per prevedere buoni risultati neurologici.

Imaging cerebrale per la previsione della sopravvivenza con buoni risultati neurologici

Tutti i test valutati sono stati utilizzati in combinazione con altri test. Sebbene l’accuratezza predittiva dei test sia stata valutata individualmente, è raccomandato che nessun singolo test venga utilizzato isolatamente per la previsione di un buon risultato neurologico (dichiarazione di buona pratica).

È suggerito di non utilizzare l’imaging TAC normale a 24-48 ore dal ROSC per prevedere un buon esito neurologico (raccomandazione debole, evidenza di certezza molto bassa). È suggerito di utilizzare una MRI normale tra 72 ore e 2 settimane dopo il ROSC per prevedere un buon esito neurologico (raccomandazione debole, evidenza con scarsa certezza). Non è possibile formulare una raccomandazione a favore o contro l’uso dell’ecografia doppler transcranica per prevedere un buon risultato neurologico.

Scopri i master in convenzione

Commento (0)