Nurse24.it

Esami di laboratorio

Ferro ematico

di Chiara Vannini

L’esame del ferro nel sangue ne misura la quantità circolante legata alla transferrina (sideremia), la più importante proteina di trasporto del ferro nel plasma. Gli esami di laboratorio di riferimento per il ferro nel sangue indagano anche la ferritina, la proteina che immagazzina il ferro.

Analisi del sangue: Ferro, ferritina, transferrina e sideremia

Infermiere esegue prelievo di sangue

Il ferro è un metallo dotato di caratteristiche chimiche che gli permettono il trasporto e la partecipazione dell’ossigeno a diversi processi biochimici.

Il ferro viene trasportato e depositato nei tessuti da proteine specifiche che impediscono che il ferro circolante si leghi ad altre macromolecole, influenzandone la struttura e provocando effetti dannosi per l’organismo.

Il ferro nel sangue può essere misurato attraverso tre valori diversi:

  • la ferritina: è una proteina che contiene ferro, prevalentemente presente in fegato, muscoli e midollo osseo, ed è responsabile dell’immagazzinamento del ferro. Il ferro non circola liberamente nel sangue, ma sempre legato alla sua proteina, la transferrina
  • la transferrina: è la proteina che trasporta il ferro alle cellule responsabili dell’eritropoiesi, ovvero la sintesi delle emazie
  • la sideremia: è la quantità di ferro legata alla transferrina.

Questi esami di laboratorio ematici sono richiesti quando si sospetta un’anemia sideropenica (da carenza di ferro), quando il paziente presenta astenia e malessere generale, o spesso per monitorare l’evoluzione di patologie già diagnosticate come malattie ematiche (leucemie, linfomi).

Analisi del sangue per il ferro
Ferro (o ferritina)

mcg/l

microgrammi per litro

Uomini: 24 – 330 mcg/l

Donne: 11 -300 mcg/l

Transferrina

Mg/dl

Milligrammi per decilitro

Uomini: 215 – 366 mg/dl

Donne: 250 – 380 mg/dl
Sideremia

Mcg/dl

Microgrammi per decilitro

Uomini: 65 – 176 mcg/dl

Donne: 50 – 170 mcg/dl

L'esame viene richiesto quando c'è il sospetto che il paziente abbia livelli troppo alti o troppo bassi di ferro nel sangue o più nel dettaglio:

  • si sospetta un'emorragia
  • diagnosi differenziale di anemia, emosiderosi ed emocromatosi
  • valutazione della carenza di ferro
  • diagnosi di tossicità acuta da ferro (soprattutto nei bambini)
  • monitoraggio della risposta alla terapia per l'anemia

Nei pazienti affetti da anemia questo esame è utile per capire se la causa è una carenza di ferro, oppure un'altra condizione come, ad esempio, un'emorragia.

NurseReporter
Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)