Nurse24.it

Risorse Studenti

I Protocolli: cosa sono?

di Redazione

I Protocolli sono molto importanti nell’ambito dell’assistenza infermieristica a pazienti sempre più complessi. Essi sono stati realizzati per standardizzare le sequenze fisiche, mentali, operative e persino verbali durante un intervento diagnostico e terapeutico.

Il ruolo dei Protocolli nella riduzione della variabilità ingiustificata di comportamento tra gli operatori sanitari

Il Protocollo (PRT) è una sequenza prescrittiva e vincolante di comportamenti diagnostico-terapeutici ben definiti che risulta dall’adattamento all’uso in contesti locali delle Linee Guida, con l’aggiunta di connotati operativi.

I Protocolli sono documenti che delineano un modello formalizzato di comportamento professionale e lo fanno declinando una successione di azioni fisiche, mentali e verbali con le quali gli infermieri raggiungono un determinato obiettivo.

Si tratta di documenti definiti strumenti di integrazione orizzontale tra professionisti, poiché vengono utilizzati dai medesimi professionisti che li redigono su basi scientifiche ed esperienziali e possono essere impiegati solamente nello stesso contesto nel quale vengono elaborati.

Il Protocollo è uno strumento rigido, prescrittivo e vincolante che indica i comportamenti ritenuti ottimali per una determinata situazione clinica e fornisce dettagli, quali:

  • problemi di pertinenza infermieristica che devono essere affrontati e gestiti in base alla situazione clinica;
  • risultati che si intendono raggiungere;
  • responsabilità con strumenti di riferimento e registrazione;
  • azioni e attività da eseguire;
  • indicazioni, controindicazioni ed eccezioni;
  • riferimenti normativi e documentali;
  • indicatori e standard per la valutazione di efficacia;
  • legenda con abbreviazioni, definizioni e terminologia.

Tra le finalità dei protocolli vanno ascritte, insieme ad altre, le seguenti:

  • migliorare l’assistenza infermieristica e sanitaria in generale;
  • assicurare interventi basati sulle più recenti evidenze scientifiche agli utenti;
  • integrare e uniformare gli interventi assistenziali;
  • definire e predisporre ala valutazione della pratica assistenziale;
  • documentare le responsabilità degli infermieri e quella di altri operatori coinvolti;
  • favorire l’inserimento di personale nuovo e di studenti infermieri.
Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)