Nurse24.it

Studenti

Torna il sostegno economico per i tirocinanti in Toscana

di Redazione

La Commissione Sanità toscana ha approvato la proposta di risoluzione sulle forme di sostegno per gli studenti iscritti ai corsi di laurea delle professioni sanitarie.

Il corteo di protesta dello scorso 23 novembre (dal gruppo Facebook Infermieristica - Udu Medicina)

Torna la "Borsa degli infermieri" in Toscana

In commissione sanità abbiamo davvero fatto un bel lavoro, partendo dall’ascolto delle problematiche di tanti ragazzi e tirocinanti, che hanno protestato davanti al Consiglio regionale e arrivando ad un atto che tiene conto delle istanze di tutte le forze politiche, ha dichiarato l presidente della commissione Sanità Stefano Scaramelli (Pd), illustrando in aula la proposta di risoluzione sulle forme di sostegno per gli studenti iscritti ai corsi di laurea delle professioni sanitarie.

Lo scorso 23 novembre gli studenti di Infermieristica di Firenze erano scesi in piazza per protestare contro i tagli dei sostegni economici riservati agli universitari impegnati nelle attività di tirocinio.

A fronte di questi tagli e di queste incombenze che gravano sulle tasche degli universitari, gli studenti avevano anche sottolineato che, all'annoso e ben noto problema del sottonumero di personale sanitario, si aggiunge l'altra faccia della medaglia: da tirocinanti si trovano spesso a svolgere la stessa mole di lavoro dei professionisti assunti. Soprattutto gli studenti del terzo anno, ormai ben formati e preparati, svolgono in ospedale otto mesi di tirocinio, che spesso e volentieri si traduce in forza lavoro gratuita per l'azienda ospedaliera.

L’atto, proposto da Scaramelli e approvato all’unanimità dalla commissione Sanità, rappresenta l'avvio dei lavori per il recupero della cosiddetta "Borsa degli infermieri" destinata agli studenti di Infermieristica che svolgono tirocini gratuiti nelle strutture sanitarie del territorio toscano, finora riconosciuta dalla Regione, ma non più prevista per i prossimi anni.

Con tale risoluzione la Giunta regionale si impegna a valutare, anche confrontandosi con la commissione consiliare, il mantenimento o l’attivazione di nuove forme di sostegno o rimborso per gli studenti iscritti al corso di laurea delle scienze infermieristiche in particolare per coloro che si stanno misurando con il tirocinio formativo negli ospedali toscani.

A ponderare con attenzione, inoltre, la possibilità di estensione di tali misure anche ad altre professioni sanitarie, tenendo conto di elementi di merito, nella predisposizione di tali forme di sostegno o rimborso, da rivolgersi a studenti con una media voti adeguata.

Dobbiamo pagarci l'abbonamento, il parcheggio e in più non abbiamo accesso alle mense ospedaliere, avevano lamentato gli studenti.

A fronte di questo manifesto disagio, verranno valutati, laddove necessario, strumenti come rimborsi mensa, trasporto, parcheggio o l’implementazione delle attività previste dal programma regionale GiovaniSì, per il sostegno dei tirocini anche mediante l’utilizzo del fondo sociale europeo.

Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)