Nurse24.it

Io Resto. Un racconto per non dimenticare

Il regista Michele Aiello racconta il suo film sulla pandemia Covid-19

Pubblicato il 23/10/2021 di Federico Cucci

scopri tutti i cambi compensativi

Io resto significa rimanere dove sono, non in senso eroico, ma professionale ed umano. Michele Aiello spiega così quello che c'è dietro il titolo del suo film, che ha presentato in apertura dell’evento ECM “La digitalizzazione in sanità: le risposte delle organizzazioni” organizzato in collaborazione tra Opi Pordenone, Università degli Studi di Udine e Nurse24.it.

Il film, pensato i primi giorni del primo lockdown, racconta un mese dentro la vita di un ospedale, dalla professionalità e le emozioni degli operatori sanitari alla lotta per la sopravvivenza dei pazienti.

Per un non sanitario, entrare in un reparto Covid è stato estremamente difficile: fin da subito mi è sembrato di entrare in un mondo da astronauti, racconta Aiello, che nel suo girato è riuscito a trovare la giusta distanza per mostrare, con umanità e dignità, la quotidianità di chi ha vissuto in prima persona la potenza del Covid.

Commenti

Devi fare il login per lasciare un commento. Non sei iscritto ?