Nurse24.it

coronavirus

Indicazioni utilizzo dispositivi di protezione individuale

di Redazione

Nell’ambito delle attività per fronteggiare Covid-19 l’Istituto Superiore di Sanità ha pubblicato un aggiornamento del documento con le indicazioni sull’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale durante l’assistenza ai pazienti. Queste indicazioni - ha dichiarato il presidente Brusaferro - sono improntate al principio di precauzione per garantire la salute e la sicurezza di tutti gli operatori sanitari. Non più solo nei processi a rischio di generazione aerosol: il ricorso a mascherine con filtrante FFP2, dove disponibili, viene ora consigliato anche per le aree di degenza, per gli ambulatori e per l'assistenza a domicilio in presenza di diversi pazienti positivi a Covid-19, oltre che per le ambulanze con rianimatore Insomma, in tutte le occasioni a rischio.

Attività di degenza

Contesto di lavoro Destinatari delle indicazioni Attività Tipologia di DPI o misure di protezioni
Stanza di pazienti COVID-19 Operatori Sanitari Assistenza diretta a pazienti COVID-19 Mascherina chirurigica
Camice monouso/grembiule monosuso
Guanti
Occhiali di protezione/occhiale a mascherina/visiera
Procedure che generano aerosol in pazienti COVID-19 FFPP2 o FFPP3
Camice/grembiule monouso
Guanti
Occhiali di protezione/occhiale a mascherina/visiera
Esecuzione tampone oro e rinofaringeo

FFP2 o mascherina chirurgica se non disponibile

Camice monouso

Occhiali di protezione (occhiale a mascherina/visiera)

Guanti

Addetti alle pulizie Accesso in stanze dei pazienti COVID-19 Mascherina chirurgica
Camice/grembiule monouso
Guanti spessi
Occhiali di protezione (se presente rischio di schizzi di materiale organico o sostanze chimiche)
Stivali o scarpe da lavoro chiuse
Visitatori Accesso in stanze dei pazienti COVID-19, qualora eccezionalmente permesso Mascherina chirurigica 
Camice monouso
Guanti
Altre aree di transito dei pazienti (ad esempio reparti, corridoi) Tutti gli operatori inclusi gli operatori sanitari Nessuna attività che comporti contatto con paziente COVID-19 

Non sono necessari DPI

Indossare mascherina chirurgica e guanti monouso solo in caso di trasporti prolungati (tempo superiore a 15 minuti)

 Triage Operatori Sanitari Screening preliminare che non comporta contatto diretto Vetrata interfono citofono. In alternativa, mantenere una distanza dal paziente di almeno 1 metro se possibile o indossare mascherina chirurgica
Pazienti con sintomi respiratori Qualsiasi Mantenere una distanza dall'operatore di almeno 1 metro (in assenza di vetrata e interfono). Mascherina chirurgica se tollerata dal paziente. Isolamento in stanza singola con porta chiusa e adeguata ventilazione se possibile; in alternativa, collocazione in area separata sempre a distanza di almento 1 metro da terzi
Pazienti senza sintomi respiratori Qualsiasi Non sono necessari DPI. Mantenere una distanza dagli altri pazienti di almeno 1 metro
Laboratori Tecnici di laboratorio Manipolazione di campioni respiratori

Laboratorio BSL di classe 3 (coltura per isolamento del virus) con procedure e DPI conseguenti

Laboratorio BSL di classe 2 (diagnostica con tecniche di biologia molecolare) con procedure e DPI conseguenti

Aree amministrative Tutti gli operatori inclusi gli operatori sanitari Attività ammnistrative che non comportano contatto con pazienti COVID-19 Non sono necessari DPI. Mantenere una distanza dagli utenti di almeno 1 metro

Ambulatori intra-ospedalieri e del territorio

Contesto di lavoro Destinatari dell'indicazioni Attività Tipologia di DPI o misure di protezioni
Ambulatori Operatori Sanitari Esame obiettivo di pazienti con sintomi respiratori Mascherina chirurgica
Camice/grembiule monouso
Guanti
Occhiali di protezione/occhiale a mascherina/visiera
  Esame obiettivo di pazienti senza sintomi respiratori I DPI previsti per l'ordinario svolgimento della propria mansione con maggiore rischio
Pazienti con sintomi respitratori  Qualsiasi Mascherina chirurgica se tollerata
Pazienti senza sintomi respitratori  Qualsiasi  Non sono necessari DPI
Addetti alle pulizie Dopo l'attività di visita di pazienti con sintomi respiratori. Areare gli ambienti dopo l'uscita del paziente e prima di un nuovo ingresso

Mascherina chirurgica
Camice/grembiule monouso
Guanti spessi
Occhiali di protezione (se presente rischio di schizzi di materiale organico o sostanze chimiche) e stivali o scarpe da lavoro chiuse

Sale d'attesa Pazienti con sintomi respiratori Qualsiasi Mascherina chirurgica se tollerata
Isolare immediatamente il paziente in area dedicata o comunque in area dedicata o comunque seprarata dagli altri; se tale soluzione non è adattabile assicurare la distanza di alemno 1 metro dagli altri pazienti
Pazienti senza sintomi respiratori Qualsiasi Non sono necessari DPI. Distanza di almeno 1 metro
Aree amministrative Tutti gli operatori inclusi gli operatori sanitari Attività amministrative che non comportano contatto con i pazienti COVID-19 Non sono necessari DPI
Triage Operatori Sanitari Screening preliminare che non comporta contatto diretto Non sono necessari DPI mantenuta la distanza di almeno un metro, altrimenti mascherina chirurgica
Pazienti con sintomi respiratori Qualsiasi Mantenere la distanza di almeno 1 metro. mascherina chirurgica se tollerata
Pazienti senza sintomi respiratori Qualsiasi Non sono necessari DPI
Accompagnatori Accesso in stanza del paziente senza prestare cure o assistenza diretta Mascherina chirurgica
Assistenza al domicilio
Caso sospetto con sintomi respiratori - paziente COVID-19 Assistenza diretta al domicilio di pazienti COVID-19 Mascherina chirurgica se tollerata dal paziente
Operatori sanitari Assistenza diretta al paziente COVID-19 Mascherina chirurgica
Camice monouso idrorepellente
Guanti
Occhiali di protezione/occhiale a mascherina/visiera

Ambulanza o mezzi di trasorto

Contesto Destinatari dell'indicazione Attività Tipologia di DPI o misure di protezioni
Ambulanza o mezzi di trasporto Operatori sanitari Trasporto sospetto caso COVID-19 alla struttra sanitaria di riferimento Mascherina chirurgica
Camice monouso idrorepellente
Guanti
Occhiali di protezione/occhiale a mascherina/visiera
Addetti alla guida Solo guida del mezzo con sospetto caso COVID-19 a bordo e separazione del posto guida da quello del paziente senza circuiti di ricircolo dell'aria tra i due compartimenti del mezzo Mantenere la distanza di almeno 1 metro
Non sono necessari DPI
Assistenza nelle fasi di carico e scarico del paziente sospetto per COVID-19 Mascherina chirurgica
Camice monouso idrorepellente
Guanti
Occhiali di protezione/occhiale a mascherina/visiera
Nessun contatto diretto con paziente sospetto per COVID-19 ma senza separazione del posto di guida da quello del paziente Mascherina chirurgica
Paziente con sospetta infezione da COVID-19 Trasporto alla struttura sanitaria di riferimento Mascherina chirurgica se tollerata
Addetti alle pulizie Pulizie dopo e durante trasporto dei pazienti con sospetta infezione da COVID-19 alla struttura sanitaria di riferimento (alla fine del trasporto del paziente, nel caso in cui sia possibile areare il mezzo, mascherina chirurgica) Mascherina chirurgica
Camice monouso idrorepellente
Guanti spessi
Occhiali di protezione (se presente rischio di schizzi di materiale organico o sostanze chimiche)
Stivali o scarpe da lavoro chiuse

Le indicazioni fornite tengono conto delle evidenze scientifiche ad oggi disponibili a tutela della salute dei lavoratori e dei pazienti e degli orientamenti delle più autorevoli organizzazioni internazionali, e sono state redatte sulla base delle evidenze che giornalmente emergono da medici ed infermieri impegnati in prima linea nei reparti e nei servizi del Ssn.

Le indicazioni sono anche state esaminate ed approvate dal Comitato Tecnico Scientifico attivo presso la Protezione Civile e fatte proprie dal Ministero della Salute.

Il documento indica quali sono i dispositivi di protezione (guanti, mascherine, camici o occhiali) nei principali contesti in cui si trovano gli operatori sanitari che entrano in contatto con i pazienti affetti da Covid-19 raccomandando l'uso delle mascherine con filtranti facciali (FFP2 e FFP3) in tutte le occasioni a rischio.

Viene anche sottolineato che le indicazioni fornite devono trovare una declinazione a livello locale, tenendo conto anche dei contesti organizzativi ed assistenziali delle specifiche caratteristiche individuali di rischio degli operatori. Così in un comunicato l'Iss.

Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commenti (1)

Stefania Fantoni

Avatar de l'utilisateur

1 commenti

Covid e disagi

#1

Ciao, il problema principale è che nella mia azienda hanno creato diverse degenze emergenza 1,2,3,4.... Il problema è che non hanno i DPI, inoltre mentre prima facevano il tampone a tutti e li lasciavano a casa, ora che anche molti operatori stanno manifestando i sintomi febbrili, la loro risposta è andate dal medico curante.... Senza fare altro.... Ma questa è una malattia che è professionale e dovremmo essere tutelati dalla nostra azienda. Quello che fa più arrabbiare è la sensazione di essere abbandonati. Gli infermieri girano da una unità all'altra per tamponare le carenze organiche, oltre che da una sede all'altra della Provincia. E la certezza che quando tutto sarà finito forse ci verrà detto grazie o forse verrà tutto domenicato perché parte del nostro dovere....