Nurse24.it

professione ostetrica

Consentire esperienze di nascita positive al tempo di COVID-19

di Redazione

L’aspetto organizzativo per garantire il diritto ad un'esperienza di nascita sicura e positiva è stato fondamentale ed è consistito nel dividere lo spazio tra le donne con e senza COVID-19, cosa che ha significato anche riadattare il personale per ogni turno e squadra. In concomitanza della giornata internazionale dell’ostetrica, 5 maggio 2020, la WHO Europe ha pubblicato sul proprio sito l’intervista all’ostetrica Iliana Colonna, coordinatrice della sala parto di Rimini, la città più colpita dell’AUSL Romagna.

Covid-19 e le opportunità di crescita professionale per le ostetriche

Ad aprile 2020, nel pieno della crisi causata dalla pandemia da COVID-19, la WHO regional office for Europe aveva intervistato la dott.ssa Silvia Mambelli, direttrice dei servizi infermieristici e tecnici presso l’AUSL Romagna, una delle aziende sanitarie maggiormente colpite in regione. Nell’intervista Mambelli indica la strada per uscire dalla crisi e un’altra per il futuro: la collaborazione e il rispetto reciproco tra tutti gli operatori sanitari oggi non ha precedenti. Infermieri e medici combattono insieme questo virus, si ammalano insieme e guariscono i pazienti insieme. L'unità è indispensabile ora, ma mostra anche la strada per il futuro.

Vedo nell'attuale emergenza - continua Mambelli - un'opportunità per realizzare un cambiamento. Dobbiamo attingere alle nostre competenze uniche per identificare il modo migliore per andare avanti, poiché sono le persone che lavorano ogni giorno nei reparti che possono insieme creare un sistema sanitario migliore. Non può esistere una società forte senza una forte assistenza sanitaria.

Iliana Colonna, ostetrica coordinatrice sala parto Rimini

In concomitanza con la giornata internazionale dell’ostetrica, 5 maggio 2020, la WHO Europe ha pubblicato sul proprio sito anche l’intervista all’ostetrica Iliana Colonna, coordinatrice della sala parto di Rimini, la città più colpita nella realtà dell’AUSL Romagna.

Colonna racconta come da una prima reazione di paura si sia arrivati, dopo un fase di studio, a mettere in atto una nuova struttura che ci consentirebbe di continuare il lavoro vitale che facciamo. In stretta collaborazione con leader ed esperti di altre aree - spiega - siamo stati in grado di attuare cambiamenti strutturali nel nostro dipartimento di ostetricia infondendo nuova fiducia nelle ostetriche sotto la mia guida.

Dopodiché abbiamo separato le donne con infezione COVID-19 da quelle che erano risultate negative - continua - Le nostre 40 ostetriche sono state prontamente istruite sull'uso efficace dei dispositivi di protezione individuale e sulle misure di prevenzione delle infezioni.

L’aspetto organizzativo per garantire il diritto a un'esperienza di nascita sicura e positiva è stato fondamentale: dividere lo spazio tra le donne con e senza COVID-19, significava anche riadattare il personale per ogni turno e squadra. Mentre alcune competenze sono comuni a tutte le ostetriche, come la capacità di utilizzare strumenti e programmi tecnologici e fornire assistenza d'emergenza neonatale - sottolinea Colonna - ci sono anche alcune competenze specializzate che richiedono un'attenta allocazione, come la capacità di lavorare come strumentisti chirurgici che assistono i medici durante una parto cesareo in sala operatoria.

La coordinatrice evidenzia poi un aspetto del suo ruolo: Ho sempre posto un'enfasi speciale sul mio dovere di ascoltare le ostetriche sotto la mia guida - ora, più che mai. Mentre all'inizio alcune erano riluttanti ad essere assegnate alle donne positive di COVID-19, ho insistito sulla necessità che tutte le ostetriche attraversassero l'opportunità di crescita personale e professionale offerta dalla sfida COVID-19.

La pandemia di COVID-19 ha dimostrato ancora una volta che il ruolo degli infermieri e delle ostetriche è fondamentale per garantire la salute pubblica

Presto tutte le ostetriche si sono sentite al sicuro nell'esercizio delle loro funzioni e i loro pensieri si sono rivolti a domande su come far sì che le donne in attesa, COVID-19 sia positive che negative, si sentissero al sicuro nelle nostre mani e su come offrire loro la possibilità di un'esperienza di nascita vaginale positiva.

Oltre al lavoro sulle proprie ostetriche sono stati organizzati dei percorsi di supporto alle madri per il postpartum: abbiamo implementato diversi passaggi a tal fine. Le madri infette COVID-19 hanno la culla del loro neonato a una distanza di 1 metro e devono praticare l'igiene respiratoria, compreso l'indossare una maschera durante l'allattamento e l'igiene delle mani. La guida dell'OMS sull'allattamento al seno durante COVID-19 è stata molto utile per noi.

Sappiamo che l'allattamento al seno è particolarmente efficace contro le malattie infettive - continua Colonna -comprese le malattie respiratorie, perché rinforza il sistema immunitario trasferendo gli anticorpi dalla madre al neonato. Per dissipare le paure delle madri, abbiamo anche uno psicologo che comunica con le donne durante le videochiamate. Le ostetriche mantengono poi una linea diretta di comunicazione con tutte le donne in attesa tramite telefoni cellulari, che consente loro di mantenere una relazione uno a uno nonostante le barriere fisiche.

Al momento, stiamo anche preparando video informativi per sostituire le riunioni mensili di gruppo che l'ospedale ha organizzato per le donne in gravidanza. Esperti di diverse discipline - ostetricia, assistenza infermieristica, neonatologia, ecc. - illustreranno i passi che abbiamo intrapreso per garantire un'esperienza di parto sicura per tutti.

La coordinatrice conclude con un augurio: La pandemia di COVID-19 ha dimostrato ancora una volta che il ruolo degli infermieri e delle ostetriche è fondamentale per garantire la salute pubblica. La mia speranza per il futuro è che noi ostetriche saremo sempre più riconosciuti per il nostro contributo e avremo più possibilità di esprimere noi stessi e le nostre capacità, permettendoci di lavorare al massimo delle nostre potenzialità.

Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)