Nurse24.it
Partecipa ai webinar gratuiti su Salute.LIVE

Attualità Infermieri

Formiche nel letto d'ospedale, Carbone: Accertare responsabilità

di Redazione

Centinaia di formiche sul letto di una paziente al San Paolo di Napoli. Ciro Carbone, presidente Ipasvi di Napoli, vuole che sia fatta chiarezza sull’accaduto, perché “le formiche in una stanza di degenza sono simbolo di omessa vigilanza e gli infermieri, in questo caso, non hanno fatto gli infermieri, perché non sono stati vicini alla paziente. Prenderemo i dovuti provvedimenti”.

Formiche nel letto d’ospedale, Ipasvi Napoli vuole vederci chiaro

Da brividi la notizia della paziente ricoverata in un letto pieno di formiche nel reparto di Medicina generale del San Paolo di Napoli.

Sulla faccenda è intervenuto anche Ciro Carbone, presidente del Collegio Ipasvi di Napoli, che ha chiesto immediatamente di fare luce sulle reali responsabilità e, intervistato su Effetto giorno (Radio24), si è detto “sconvolto” dalla notizia, insieme al gruppo professionale che rappresenta.

Fra tagli alle risorse, mancanza di personale e pazienti ricoverati su barelle, sono numerose le falle del sistema sanitario campano e Carbone non lo nega, ma non era la prima volta che venivano avanzate segnalazioni sulla presenza di insetti al San Paolo.

Gli infermieri, per loro natura, stanno vicini ai pazienti. Nel caso della donna lasciata in un letto infestato di formiche questo non è accaduto. Agli infermieri e agli operatori di supporto è imputata l’omessa vigilanza

Io sono sicuro che gli infermieri e gli operatori socio sanitari abbiano segnalato in precedenza questa condizione così anomala alla direzione sanitaria – prosegue Carbone - ma non è accettabile che la donna non sia stata accudita dagli infermieri e dal personale di supporto, così come non è possibile che la coordinatrice non abbia vigilato.

La responsabilità va distribuita a tutti i livelli, sottolinea Carbone, che specifica: Come Collegio Ipasvi siamo pronti ad adottare i provvedimenti opportuni quando si saranno identificati i nomi e cognomi dei professionisti coinvolti.

Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)