Nurse24.it

Attualità Infermieri

Napoli, donna ricoverata tra le formiche al San Paolo

di Redazione

Una donna giace nel letto di degenza ricoperta di formiche. Succede nel reparto di Medicina generale del San Paolo di Napoli. Mentre le foto fanno il giro del web, il Ministro Lorenzin ha disposto l’invio dei carabinieri del Nas.

Donna in un letto di formiche, Lorenzin invia i Nas al San Paolo di Napoli

Le immagini della donna ricoverata tra le formiche al San Paolo di Napoli

Sistemata su un letto di degenza letteralmente infestato di formiche. In queste condizioni è ricoverata una donna nel reparto di Medicina generale dell’ospedale San Paolo di Napoli.

Le foto della paziente stanno facendo il giro del web; a far emergere il caso è stato il consigliere regionale dei Verdi della Campania, Francesco Emilio Borrelli, che ha definito le condizioni della paziente un gravissimo caso di degrado e mala sanità. Innaccettabile infatti che medici, infermieri e tutti i componenti dell'équipe assistenziale permettano una situazione simile, ha ribadito.

”Sciatteria e mancanza di igiene inaccettabili”, tuona Borrelli, dopo aver ribadito che da tempo erano state presentate denunce circa la presenza di insetti e scarafaggi all’interno dell’ospedale. Denunce alle quali sono seguite rassicurazioni inattendibili, a suo dire.

Chiediamo la rimozione immediata di tutti i responsabili e i membri del reparto che hanno permesso una simile vicenda. Il Direttore Sanitario inoltre dovrà dare serie spiegazioni anche in commissione sanità dove lo farò convocare per un'audizione e sulla cui azione amministrativa ho deciso di chiedere una inchiesta interna

Così Emilio Borrelli sulla sua pagina Facebook, mentre Ciro Carbone, presidente del Collegio Ipasvi di Napoli, chiede un rapido accertamento delle responsabilità: La sanità, soprattutto quella pubblica, ha un solo grande referente: il cittadino bisognoso di cure. Quando ciò non avviene vuol dire che la sanità nel suo complesso e gli operatori hanno fallito. Gli infermieri, che da sempre hanno legato la propria mission professionale ai bisogni del cittadino/ammalato, sono coinvolti al pari di chi ha la responsabilità della direzione sanitaria del presidio. Chiediamo che si accertino subito le reali responsabilità, a partire da chi non ha vigilato sull'igiene della struttura e sulla sicurezza del paziente. Il Collegio professionale, da parte sua, se necessario, è pronto ad adottare i provvedimenti opportuni.

Intanto il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha disposto l'invio della task force ministeriale e dei carabinieri del Nas per accertare quanto avvenuto. Lo ha reso noto il ministero della Salute tramite un comunicato.

Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)