Nurse24.it
scrivi una email per avere maggiori informazioni

Volontariato

Infermieri volontari con il rimborso spese, il Tar dice no

di Redazione

Altro che rimborso spese, l’infermiere va pagato e in modo congruo. Lo stabilisce una sentenza del Tar di Salerno.

infermieri volontari pagati a rimborso spese? Il Tar dice no

Il Tar di Salerno ha annullato il bando per il servizio di emergenza-urgenza del 118 per 30 postazioni ad Avellino. Motivo? Le cifre inserite nel bando non potevano assolutamente coprire i costi relativi alla presenza di un infermiere e di un autista soccorritore all’interno dell’ambulanza. A fare ricorso al Tar era stata la Confederazione nazionale delle Misericordie d’Italia che riunisce centinaia di associazioni italiane.

Secondo la Confederazione nazionale delle Misericordie a bordo del mezzo, in modo regolare, non ci va quasi nessuno. Perché se per gestire una postazione che deve garantire il servizio h24, l’Asl destina tra i seimila e i dodicimila euro al mese, è chiaro che diventa impossibile per l’associazione assumere gli infermieri con contratti in regola. Perciò gli infermieri per arrotondare vanno a lavorare come volontari per il 118 e prendono un rimborso spese tra i 300 e i 400 euro al mese.

Ma ora basta. La sentenza del Tar parla chiaro: l’infermiere non può fare il volontario e prendere un rimborso spese. La sua è un’attività a tutti gli effetti e come tale deve essere pagata. Insomma, una sentenza che segna un punto di svolta per tante prassi in giro per il paese.

Scarica la sentenza del Tar di Salerno.

Commento (0)