Nurse24.it
scrivi una email per avere maggiori informazioni

Attualità Infermieri

Lorenzin: Il malato sia messo al centro del sistema sanitario

di Redazione

Il malato sia messo al centro del sistema sanitario. Lo dice il ministro della salute Lorenzin in un messaggio per la Giornata mondiale del malato.

Il ministro: Il malato deve essere al centro del sistema sanitario

Paziente nonnina

Il malato deve essere messo al centro del sistema sanitario

Il malato deve essere al centro del sistema sanitario, sia a livello italiano sia a livello mondiale, perché i sistemi non possono essere fatti in funzione delle strutture, né di una burocratizzazione del sistema che perde di vista il concetto di cura. Regole che, per esempio, nel nostro paese variano da regione a regione per cui si ha accesso a farmaci o a prestazioni in modo differente a seconda dell'indirizzo di residenza, a volte con differenze che si traducono in una vera e propria ingiustizia. È quanto si legge nel messaggio per la Giornata mondiale del malato del ministro della salute, Beatrice Lorenzin, per la quale questa è un'occasione importante per approfondire e riflettere sul rapporto tra persona e malattia. La malattia è una fase delicata, a volte drammatica della vita, a cui alla sofferenza data dalla patologia purtroppo si può associare la solitudine e l'assenza di un supporto adeguato ad alleviare le difficoltà di chi soffre e delle loro famiglie.

Per Lorenzin bisogna cercare di far comprendere anche a chi non è del settore la complessità del sistema sanitario nazionale, che è necessario fare uno sforzo superando logiche ragionieristiche e rimettendo il malato al centro della nostra politica, perché è lui il protagonista, quello che conta.

Il ministro della Salute Lorenzin ricorda anche i nuovi livelli essenziali di assistenza che finalmente, dopo venti anni, sono stati aggiornati: è stato ampliato l'elenco delle malattie rare (oltre 110 tra singole malattie rare e gruppi di malattie) curate in regime di esenzione; sono state inserite sei nuove malattie croniche esenti e sono state introdotte prestazioni ad elevatissimo contenuto tecnologico (ad es. l'adroterapia) per la cura di alcuni tumori. A ciò si aggiunga anche la predisposizione del Piano nazionale di prevenzione vaccinale che prevede la somministrazione completamente gratuita, agli aventi diritto, dei vaccini.

Commento (0)