Passa a modellabile - ConvaTec

Salute

Lotta alle fake news, cannabis, ricerca. I goals del ministero

di Redazione

Prevenzione, comunicazione, politiche in materia di ricerca sanitaria, politiche sanitarie internazionali, promozione della qualità e dell’appropriatezza dell’assistenza sanitaria, sistema informativo e statistico sanitario, dispositivi medici, stupefacenti e altri prodotti di interesse sanitario, promozione della salute pubblica veterinaria e della sicurezza degli alimenti e politiche per l’efficienza gestionale. Queste le linee di indirizzo del ministero della Salute per la costruzione degli obiettivi strategici per il 2018.

Ministero della salute, ecco l’atto di indirizzo 2018

ministero della salute

Il ministero della salute

Si tratta di obiettivi strategici che la politica sanitaria dovrà mettere in atto nel prossimo triennio. Queste le linee di indirizzo:

  • prevenzione;
  • comunicazione;
  • politiche in materia di ricerca sanitaria;
  • politiche sanitarie internazionali;
  • promozione della qualità e dell’appropriatezza dell’assistenza sanitaria;
  • sistema informativo e statistico sanitario;
  • dispositivi medici, stupefacenti e altri prodotti di interesse sanitario;
  • promozione della salute pubblica veterinaria e della sicurezza degli alimenti;
  • politiche per l’efficienza gestionale.

Prevenzione

Per il 2018 – recita l’atto di indirizzo ministeriale - particolare attenzione dovrà porsi al bilanciamento delle attività di prevenzione delle malattie trasmissibili (soprattutto di rilevanza epidemica) e di prevenzione delle malattie croniche non trasmissibili, anche proseguendo nella collaborazione inter-istituzionale per la promozione della salute dei migranti nel percorso di accoglienza ed integrazione. Particolare attenzione dovrà essere data agli anziani, visto anche l’invecchiamento della popolazione. Sarà implementato l’approccio life course per la promozione della salute e la prevenzione delle principali patologie cronico degenerative – dice il ministero - continuando a monitorare e a descrivere tutti gli aspetti che concorrono al benessere degli anziani (aspetti di salute, sanitari e sociali), anche con l’obiettivo di sensibilizzare le comunità locali verso interventi che realizzino ambienti di vita e sociali che facilitino la partecipazione degli anziani alla vita sociale e valorizzino il loro ruolo e contributo nella società.

Comunicazione

Occhio soprattutto alle fake news e al cosiddetto fenomeno del Doctor Google. Tenuto conto che i cittadini si rivolgono sempre più al web per la risoluzione dei propri problemi di salute – dice infatti il ministero - e che attraverso il web vengono spesso diffuse nella popolazione false informazioni di carattere sanitario che possono risultare dannose per la salute dei cittadini, il ministero dovrà continuare nella sua attività di presidio e vigilanza su internet per contrastare le false notizie in modo efficace sotto l’aspetto tecnico scientifico.

Politiche in materia di ricerca sanitaria

L’obiettivo del ministero è il potenziamento e incremento qualitativo della ricerca biomedica italiana. Il ministero propone quindi di creare un percorso ad hoc destinato non solo a chi è dedito alla vera e propria attività di ricerca, ma anche a chi presta la propria attività professionale a supporto dell’attività di ricerca.

Politiche sanitarie internazionali

Il ministero pensa all’organizzazione del 68° Comitato regionale dell’Oms Europa che si terrà in Italia a settembre 2018, così come al G7 e al G20.

Promozione della qualità e dell’appropriatezza dell’assistenza sanitaria

Obiettivo? Raggiungere il miglior outcome di salute possibile per le popolazioni riducendo il costo pro capite delle risorse pubbliche investite. E secondo il ministero solo un deciso intervento volto a favorire lo spostamento sul territorio del trattamento socio-sanitario delle principali patologie croniche consentirà che il processo di miglioramento della qualità dell’assistenza si sviluppi in coerenza con l’esigenza di contenimento e di razionalizzazione della spesa sanitaria.

Sistema informativo e statistico sanitario

Verso una sanità digitale. I servizi sanitari dei Paesi economicamente più sviluppati si trovano oggi a fronteggiare uno scenario complesso – dice il ministero - caratterizzato da importanti mutamenti demografici, epidemiologici e socioeconomici. In tale scenario sono andati sempre più evidenziandosi alcuni particolari fattori quali il progressivo invecchiamento della popolazione, l’aumento della rilevanza di patologie croniche, la non autosufficienza e la disabilità. L’insieme di tali fattori richiede una profonda modifica dello scenario di cura, che deve essere necessariamente sempre più focalizzato sulla gestione del malato cronico e sulla capacità di prendere in carico l’individuo nel lungo termine, oltre che sulla sistematica messa in atto di modelli diagnostico-terapeutici che posizionino concretamente il cittadino al centro del sistema, facendo leva sulla continuità assistenziale ospedale-territorio e sull’integrazione tra l’ambito sanitario, socio-sanitario e sociale.

Dispositivi medici, stupefacenti e altri prodotti di interesse sanitario

In questo ambito proseguiranno le attività relative alle funzioni di organismo statale per la cannabis relative alla produzione industriale di cannabis ad uso medico in applicazione dell’accordo di collaborazione tra il ministro della salute e il ministro della difesa.

Promozione della salute pubblica veterinaria e della sicurezza degli alimenti

Si continua a lavorare sulle politiche nutrizionali, sull’allattamento al seno, sui disturbi alimentari e sull’educazione alimentare anche nelle scuole.

Politiche per l’efficienza gestionale

Tenuto conto della concentrazione delle strutture dirigenziali – dice il ministero - e della progressiva riduzione delle risorse umane, dovuta al completamento delle operazioni di riassorbimento del personale in soprannumero a seguito delle riduzioni di organico previste per legge sarà necessario, al fine di mantenere adeguati livelli di servizio per l’utenza, implementare, ulteriormente, modelli organizzativi e gestionali innovativi come il lavoro a progetto e trasversale tra più strutture generali.

Commento (0)